Sicurezza

Privacy, la voragine di Google Street View allarma l’Europa

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Si sono mossi i Garanti tedesco, francese, belga, svizzero e spagnolo: vogliono i dati come prova della grave violazione della privacy.

All’inizio i Garanti Privacy aveva chiesto a Google di cancellare i dati sensibili raccolti con l’ “inavvertito spionaggio” delle reti Wi-Fi. Poi si sono mossi i Garanti tedesco, francese, italiano, belga, svizzero e spagnolo: vogliono i dati come prova della grave violazione della privacy.

Adesso scende in campo anche la britannica Privacy International: se Google distruggesse i dati archiviati per errore attraverso le Google Cars, alla caccia di immagini a 360 gradi per Google Street View, di fatto distruggerebbe le prove della colossale gaffe. I dati vanno tenuti per le indagini, dunque Google cessa la cancellazione.

Già sono stati distrutti i dati irlandesi, danesi e austriaci. La Google car spiava i Wi-Fi non protetti. La raccolta di dati non ha riguardato solo le immagini panoramiche a 360 gradi, bensì i dati relativi alla presenza di reti Wi-Fi e di apparati di rete radiomobile (compresi e-mail, pezzi di comunicazioni elettroniche trasmesse dagli utenti su reti wireless non protette).

Leggi anche: Uragano Privacy: il Grande Fratello ci osserva