Sicurezza

Pirateria, a Jammie Thomas un giudice riduce la maxi-multa

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La multa per pirateria a Jammie Thomas è stata ridotta da quasi 2 milioni di dollari a 54 mila dollari: pari a 2,250 dollari a canzone

La salatissima multa per pirateria comminata a “mamma Jammie” è stata ridotta dai giudici: Jammie Thomas non dovrà più pagarequasi 2 milionidi dollari (esattamente 1.920.000 dollari), ma  54 mila dollari: pari a 2,250 dollari a canzone scaricata illegalmente. Lo ha deciso la corte distrettuale del Minnesota, dove Jammie Thomas-Rasset era ricorsa in appello.

I 24 brani scaricati violando il copyright sono comunque costati cari alla signora Thomas-Rasset, portata in tribunale dalla Recording Industry Association of America (Riaa) nel 2007.

Da allora per “mamma Jammie”, disoccupata e madre di quattro figli, è stato un calvario giudiziario. Alla signora Jammie è stato ordinato di non violare più il copyright e di distruggere i brani che le sono costati tanto cari.