Sicurezza

La Cina spiega l’utilità della censura

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La Cina non cede di un millimetro sulla censura online. Lo ha spiegato Pechino nel libro bianco sul grado di libertà dei cyber-navigatori

Censurare Internet fa rima con le contraddizioni cinesi. Pechino già deve affrontare i primi scioperi di massa (in seguito alle catene di suicidi che hanno sconvolto Foxconn, la fabbrica di appl, Nokia e Dell; e ora la Cina è al terzo giorno di scioperi alla Honda). Per la Cina la censura online è un caposaldo imprescindibile.

Ad aprire la falla nella Grande Muraglia del Great Firewall della censura cinese era stata Google (in seguito a un cyber-attacco), seguita da un memorabile discorso del Segretario di Stato Usa Hillary Clinton. Google aveva chiuso google.cn passando per la versione di Google Hong Kong senza censura e senza filtri, ma la Cina vuole mantenere saldo il ferreo controllo statale sulla “libertà” di espressione sul web.

Anche la UE si era espressa a favore di una maggiore libertà online in Cina, appellandosi alle regole del Wto. Ma la Cina risponde a tutti di non voler perdeere la propria sovranità su internet della Cina: “Deve essere rispettata e protetta“.

La Cina non è disposta a sopportare le critiche estere sulle proprie regole, come recita il libro bianco governativo presentato ieri. Un libro bianco che mette la parola fine a mesi di discussioni sul tasso di libertà dei cyber-navigatori cinesi.

In Cina la censura colpisce non solo i motori di ricerca, ma soprattutto blocca Facebook, Twitter e Wikipedia: il giro di vite riguarda i social media e i blog.

“Il governo cinese incoraggia l’uso di internet nei modi che possano promuovere il progresso sociale ed economico, per migliorare i servizi pubblici e facilitare il lavoro e la vita delle persone”, spiega il documento. Ma evitando di incitare all’odio etnico, sollevare argomenti politici (dalla democrazia alla libertà, fino a Tienanmen) o etnici, promuovere pornografia e violenza: a questi temi tabù, Pechino dirà sempre no.

google_firewall_cina.jpg