Data storageSicurezza

Kroll Ontrack, i servizi di recupero dati anche per i dischi SSD

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Kroll Ontrack riduce i tempi di recupero dei dati da dispositivi flash e dischi allo stato solido

Kroll Ontrack ha sviluppato soluzioni di recupero dati per memorie flash e dischi allo stato solido . Le principali cause di perdita dei dati nei dispositivi basati su flash memory sono un danno fisico accidentale o l’interruzione dell’alimentazione al dispositivo con un conseguente danno elettronico e/o la corruzione dei dati I tecnici di Ontrack Data Recovery possono offrire ai clienti un tasso di successo più elevato e un più rapido recupero dei dati.
Gli analisti di mercato hanno indicato che oltre 100 vendor stanno investendo nella tecnologia SSD. Data la diminuzione continua del prezzo, le aziende IT e i produttori di notebook integreranno sempre più SSD basati su tecnologia flash Emergono nuove sfide nel recupero dati . A differenza dei tradizionali hard disk, dove le informazioni sono archiviate in modo lineare e concentrico sul disco, l’archiviazione su flash e SSD impiega tecniche dette di “wear leveling”, che si occupano di distribuire le informazioni in blocchi casuali di memoria sul chip. “L’80% delle volte impieghiamo metodi proprietari per risolvere i problemi di perdita dati da memorie flash o SSD che spesso richiedono il disassemblaggio di alcuni componenti del dispositivo per accedere alle informazioni corrotte”, afferma Paolo Salin, Country Director Kroll Ontrack Italia . “Per quanto riguarda la perdita dei dati, i dispositivi SSD non hanno il problema di avere parti in rotazione o in movimento che si possono danneggiare, ma rimangono soggette all’errore umano, ai disastri naturali e a possibili altri incidenti”.