Security managementSicurezza

Kaspersky Endpoint Security for Business, protezione in azienda e in cloud, anche per Mac

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Arriva una nuova versione di Kaspersky Endpoint Security for Business e con Kaspersky Endpoint Security Cloud arriva la protezione dei computer Mac aziendali

Kaspersky rinnova la disponibilità delle sue soluzioni dedicate alle aziende con nuove versioni delle sue applicazioni di protezione per gli endpoint, con qualsiasi sistema operativo, anche in cloud.
Le novità riguardano nello specifico Kaspersky Endpoint Security for Business.
Quest’ultima soluzione si presenta con funzionalità di controllo migliorate, la possibilità di gestione centralizzata di più piattaforme, applicazioni e dispositivi e maggiore flessibilità nella protezione dei dati.
Una recente ricerca Security Risks, condotta con B2B International evidenzia come tra le difficoltà principali per le aziende ci sia proprio dover gestire la sicurezza per diverse piattaforme, Kaspersky propone ora Security Center come unica consolle per il monitoraggio dei dispositivi e la protezione integrata multilivello estendendola anche agli strumenti di collaboration dei dipendenti grazie alla possibilità ora di monitorare i dispositivi che utilizzano Kaspersky Endpoint Security for Business, Kaspersky Security for Exchange Server e Kaspersky Security for SharePoint.

Kaspersky Endpoint Security for Business - Scenario
Kaspersky Endpoint Security for Business – Scenario

Tra le nuove funzionalità arriva anche l’implementazione da remoto di Kasperksy Endpoint Security per Mac e Linux, per la protezione e la gestione dei dispositivi e del WiFi (con l’indicazione delle reti attendibili) come agile soluzione per le aziende che lasciano utilizzare i dispositivi preferiti ai dipendenti. 

Il nuovo Kaspersky Endpoint Security for Business inoltre può essere utilizzato come sensore della piattaforma Kaspersky Anti-Targeted Attack, quindi raccogliere e ritrasmettere alla piattaforma i dati. E con la funzionalità Revision History i team di sicurezza potranno tenere traccia delle modifiche su policy e attività, confrontare le revisioni e riscontrare le differenze.  

La soluzione di protezione degli endpoint permette di crittografare i dati tramite il controllo su BitLocker o Kaspersky Disk Encryption, in modo da tutelare le informazioni anche in caso di smarrimento o furto dei device.  Si basa sull’approccio di intelligence HuMachine di Kaspersky Lab che sfrutta tecnologie di machine learning, nutrite da Big Data di Kaspersky Security Network e l’esperienza dei team.

I meccanismi di euristica e machine learning includono anche l’approccio come euristica strutturale, inclusi il locality-sensitve hashing e un insieme di decision tree, i sistemi di rilevamento su emulazione, la tecnologia Behavioral System Watcher che permette di individuare i malware più avanzati e più difficili da rilevare oltre ai modelli di attacco di nuova generazione come ransomware e malware basati su Powershell, il sistema di mitigazione e prevenzione degli exploit.   

Inoltre Kaspersky Endpoint Security for Business lavora con diverse tecnologie multilivello per proteggere ogni nodo, mentre altre applicazioni specifiche forniscono la difesa ai diversi nodi.

Arriva inoltre la nuova versione specifica di Kaspersky Endpoint Security Cloud che estende la protezione ai Mac aziendali. Si parla di una soluzione per semplificare la gestione da remoto della sicurezza su più workstation MacOS e Windows, dispositivi mobile e file server attraverso una console basata in cloud e quindi come soluzione molto comoda soprattutto per le PMI.

Kaspersky Endpoint Security Cloud si integra quindi integralmente con le migliori piattaforme RMM (Remote Monitoring and Management) e le cosiddette PSA (Professional Service Automation) come ConnectWise Manage e ConnectWise Automate. Con i plugin di integrazione installati è possibile assegnare a diversi amministratori la gestione della sicurezza IT, uno strumento interessante per i Managed Service Providers.

 WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper: “Identifica il valore, i rischi e i costi dei tuoi dati”