Sicurezza

Google violata dagli hacker, indaga McAfee

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Ha fatto notizia l’alt tedesco a Internet Explorer a causa di una falla critica all’origine del cyber-attacco a Google e altre 33 aziende Usa. McAfee definisce la spy-story uno spartiacque nella sicurezza IT

La Germania sconsiglia di usare Internet Explorer, in attesa del rilascio della patch di Microsoft: il motivo è che la falla zero-day (adesso l’exploit in IE è pubblico) èall’origine del cyber-attacco (ribattezzato Operation Aurora) a Google e altre 33 aziende Usa.

Microsoft sta provando a minimazzare: Microsoft Italia nel blog consiglia l’upgrade a Internet Explorer 8.

L’esperto di sicurezza George Kurtz, chief technology officer presso McAfee, sul blog Security Insights ha definito la spy-story tra Google e Cina uno spartiacquenella sicurezza informatica, a causa degli obiettivi presi di mira, della natura co-ordinata dell’intrusione e delle motivazioni (rubare proprietà intellettuale core delle aziende della Silicon Valley, Google in testa). Per McAfee è stato l’attacco più sofisticato finora visto in atto.

Microsoft intanto consiglia di applicare workaround e mitigation nei propri Security Advisory, configurando i setting degli internet zone security a livello Alto (High). All’inizio erano state accusate falle nei Reader di Adobe, ma il responsabile vero è la falla nel browser di Microsoft (compresa la versione di IE 8 su Windows 7).

Intanto Google teme che ad aiutare l’attacco sia stato un “basistainterno a Google China: sta indagando se l’intrusione sia stata agevolata da dipendenti di Google.cn (fonte: Reuters).

Leggi l’ANALISI: Google e Cina, braccio di ferro sulla censura online