Sicurezza

Dopo Https, GPG blinderebbe Gmail contro attacchi

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google ha stabilito che lo scambio dei dati nel servizio Gmail avvenga sempre impiegando il protocollo Ssl. Ma per rendere più sicura la web mail, si può fare di più con la crittografia

Google, accusata da Gartner di usare il cyber-attacco cinese come casus belli per coprire la presunta “debolezza” del cloud computing, ha preso di petto la battaglia sulla sicurezza di Gmail. Gmail è passata ieri dall’http al più sicuro https come impostazione di default. Google ha stabilito che lo scambio dei dati nel servizio Gmail avvenga sempre impiegando il protocollo Ssl.

Ma si può fare di più per blindare Gmail: per esempio adottare la crittografia di GPG. Gli esperti di sicurezza consigliano di provare i pacchetti open-source: GPG, or GNU Privacy Guard, Mozilla Messaging’s Thunderbird e-mail software e Enigmail plug-in.

Leggi l’ANALISI: Google e Cina, braccio di ferro sulla censura online