Security managementSicurezza

Data Protection Secure Lifecycle, la soluzione Dell per la protezione dei dati aziendali

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secure Lifecycle segue le informazioni e i documenti in tutto il loro ciclo di vita, mentre sono all’interno della rete aziendale e anche quando si spostano su device mobili o cloud storage

Dell ha annunciato il rilascio di una nuova soluzione per la protezione dei dati aziendali. Si chiama  Data Protection Secure Lifecycle e ha la particolarità, secondo l’azienda, di unire in un solo prodotto alcune funzioni che di norma si trovano in piattaforme separate ad esempio di DLP e DRM. Per questo altre soluzioni non sono in grado di seguire effettivamente tutto il ciclo di vita dei dati e soprattutto non sono in grado di proteggerli quando escono dalla rete aziendale.

Secure Lifecycle ha un approccio trasversale che mira a proteggere i dati mentre sono nelle unità di storage che li conservano, mentre qualcuno vi accede e mentre sono in transito nella rete aziendale e al suo esterno. E anche quando sono salvati su dispositivi esterni come pendrive USB, device mobili e servizi di cloud storage pubblici. Per fare questo combina funzioni di cifratura, monitoraggio dell’accesso ai singoli file, Data Loss Prevention e Digital Rights Management.

Una parte delle funzioni di Dell Data Protection Secure Lifecycle riguarda il controllo del flusso delle informazioni. La sua console permette infatti di capire dove e come vengono usate e anche come vengono condivise verso l’esterno dell’azienda. L’analisi di questi comportamenti permette di rilevare più velocemente il verificarsi di eventuali violazioni delle policy sulla gestione dei dati.

dellLe funzioni integrate di DRM servono a definire con precisione e granularità i privilegi che dipendenti, collaboratori e partner hanno nell’accesso ai documenti. È possibile definire diritti specifici per la consultazione, la modifica, la stampa e la condivisione dei documenti, diritti che possono variare automaticamente nel tempo definendo periodi di embargo o di scadenza.

Una parte della soluzione è dedicata in modo specifico alla protezione dei documenti di Microsoft Office grazie a plug-in specifici compatibili con le versioni della suite dalla 2010 in avanti. I file Word, Excel e PowerPoint sono mantenuti cifrati mentre sono in transito e in uso sia su PC sia su dispositivi mobili come smartphone e tablet e anche su piattaforme collaborative come Box e Dropbox.