Sicurezza

Check Point scopre e controlla l’uso delle applicazioni web

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I gateway di sicurezza di Check Point s disporranno della software blade Application Control. La nuova blade si basa su AppWiki, un data base mondiale di classificazione delle applicazioni

Check Point Software lancia una nuova software blade per i suoi gateway di sicurezza che insieme ad altre tecnologie di controllo degli accessi ha lo scopo di rendere più facili per le organizzazioni la gestione e il controllo delle applicazioni web 2.0. Il nuovo layer software sarà reso disponibile dalla società entro la fine dell’anno e sarà il pezzo forte insieme con una nuova funzionalità di autenticazione per tutte le software blade della nuova versione del sistema operativo che sarà rilasciato in contemporanea.
La Application Control Software Blade integra una tecnologia di Check Point , chiamata UserCheck , che è in grado di spostare il peso di alcune decisioni e di alcuni processi di gestione dal dipartimento IT all’utente finale, permettendogli con qualche precauzione di adeguarsi autonomamente alle policy di sicurezza in uso nell’azienda.
Come spiegano i tecnici di Check Point certe applicazioni web come Facebook , insieme con widget collegati come Farmville, stanno creando nel settore IT delle aziende problemi che vanno dalla sicurezza, alla gestione della banda fino alla produttività dei dipendenti. Facendo leva su una tecnologia acquisita, con la nuova blade che si integra con il software IPS Check Point ha identificato circa 4500 applicazioni e oltre 50 mila widget dando all’IT aziendale la possibilità di monitorarne l’uso e di attivarne o impedirne l’uso a livello di utente o di gruppo di lavoro: “ L’integrazione con l’Active Directory aziendale permette accessi selettivi utente per utente e client per client”.

Nel contempo gli utenti non ammessi a una certa applicazioni possono ricederne l’attivazione anche per uso personale e non aziendale. Basata sull’architettura Software Blade di Check Point la blade Applicatin Control potrà essere attivata su qualunque gateway aggiornato. Il controllo sul client dell’utente può essere agent less o agent based.