Data storageEnterpriseSicurezzaStart up

Check Point : le aziende non sottopongono a cifratura i dispositivi di storage dei dipendenti

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Nonostante il forte aumento dei lavoratori mobili, solo il 27% delle imprese mondiali usa la cifratura per proteggere i dati

Check Point ha diffuso i risultati di una ricerca dedicata alla sicurezza degli endpoint. La società per la sicurezza IT ha rilevato come il numero di lavoratori remoti continui a crescere e come quindi le imprese debbano estendere ed aggiornare le proprie misure IT per salvaguardare una forza lavoro sempre più mobile.
Secondo il sondaggio oltre il 40% delle imprese ha registrato nell’ultimo anno un aumento nel numero di utenti remoti che si connettono alla rete aziendale da casa o in viaggio, rispetto al 2008. Check Point ha scoperto come, per una netta maggioranza (77%) delle imprese, fino a un quarto della forza vendita totale sia rappresentato da utenti mobili abituali. Al contrario però, indipendentemente dalla crescita degli utenti remoti, solamente il 27% degli intervistati dichiara che la propria azienda utilizza attualmente la cifratura degli hard disk per proteggere dati sensibili presenti sugli endpoint aziendali. Inoltre, solo il 9% delle imprese applica la cifratura ai dispositivi rimovibili, come le chiavette USB. Una forza lavoro sempre più mobile, che porta grandi quantità di dati sui propri dispositivi portatili espone gli stessi dati al rischio di smarrimento, furto ed intercettazioni.

Secondo il sondaggio , il 47% degli intervistati prevede di acquistare nel prossimo anno una soluzione di sicurezza degli endpoint, con cifratura dei dischi (24%), NAC (22%) e cifratura dei supporti (13%) scelte come applicazioni principali. Le soluzioni di sicurezza più diffuse sugli endpoint delle aziende interpellate rimangono antivirus per i desktop (90%), antispyware (56%), personal firewall (49%) e client VPN (49%).

Il personale IT di aziende con meno di 5mila dipendenti, inoltre, ha dichiarato di utilizzare attualmente in media prodotti endpoint di tre differenti vendor, con conseguenti problemi di gestione della sicurezza. Le realtà più grandi si affidano in media a cinque diversi vendor, e avvertono anch’esse il problema di una gestione efficace di questa complessità.