Sicurezza

Camponeschi (McAfee): Sicurezza, solo sicurezza

Direttore responsabile di Silicon, ITespresso, ChannelBiz e Ubergizmo dalla nascita, ama analizzare le dinamiche del mercato IT e le strategie dei vendor. Scrive da più di vent'anni di tecnologie, acquisizioni, hardware e software. Modera convegni e seminari. In passato ha diretto Techweekeurope, Gizmodo, Vnunet, PC Magazine e PC Dealer, iniziando il percorso professionale a Computerworld Italia dopo la laurea.

“Siamo un vendor completamente dedicato alla sicurezza e questo ci permetterà di crescere  tra il 10-15% nel Sud Europa quest’anno. Anche le pmi dovrebbero valutare l’offerta on the cloud”

Sempre di più i clienti ci chiedono di lavorare insieme”. Inizia così la chiacchierata con Ottavio Camponeschi, vice president Southern Europe di McAfee, incontrato in occasione dell’Executive Summit che la società ha tenuto a Roma nei giorni scorsi. “L’Europa pesa il 35% del fatturato di McAfee ed è una regione estremamente importante, nella quale la Francia ha raccolto ottimi risultati nel 2009”.

ottaviocamponeschi-155x185.jpg

Ottavio Camponeschi, vice president Southern Europe di McAfee

Un anno in cui McAfee ha sfiorato a livello mondiale i 2 miliardi di dollari di fatturato, con una liquidità di 1 miliardo. “I clienti ci chiedono di lavorare insieme – continua – perché la cyber war si combatte solo così. Le grandi aziende chiedono strumenti proattivi, perché non possono permettersi di essere attaccate e successivamente scoprire l’attacco. Ma anche le piccole e medie iniziano ad avanzare richieste. I nostri laboratori ci permettono di fotografare in tempo reale cosa sta avvenendo nei cinque continenti e di coordinare le nostre azioni per sventrare attacchi combinati. Il caso di Aurora insegna: siamo stati gli unici ad avere il 100% di detection su Aurora e questo ci ha permesso di creare valide contromisure da immettere sul mercato”.

La piccola azienda è però al momento ancora restia a valutare soluzione di software as a service, on the cloud, già collaudate invece dalla grande azienda. “Purtroppo non c’è ancora la cultura del cloud in Italia, soprattutto nelle piccole realtà, molte delle quali ragionano ancora per numero di pc installati e non per numero di indirizzi ip”. I partner sono fondamentali per spiegare questa evoluzione Saas anche alle piccole e medie imprese, sfruttando la sinergia tra business e consumer “dal momento che i nostri prodotti consumer vengono proposti sul sito già in ottica Saas”.

Tre le aree su cui McAfee si sta focalizzando: sicurezza dell’end point, network security e risk compliance. “Proteggersi in maniera indiscriminata non ha alcun senso – continua Camponeschi –: è necessario svolgere un’analisi mirata delle strutture e dei dati sensibili di ogni realtà, e lavorare a stretto contatto con i clienti. Questo lo si può fare solo se si è totalmente dedicati alla sicurezza, come lo è McAfee. Credo che non abbia senso per un utente affidarsi per la sicurezza dell’endpoint a Microsoft , perché non è pensabile che possa offrire una protezione di livello quando propone un sistema di per sé vulnerabile”.

I temi ricorrenti dei clienti sono stati nell’ultimi tempi protezione dati sensibili, compliance e privacy. “La strada della specializzazione (sicurezza e solo sicurezza) credo che ci permetterà di crescere quest’anno, nel Sud Europa, tra il 10 e il 15%” conclude Camponeschi. Anche pescando nel mondo delle pmi.