Sicurezza

Adobe: l’aggiornamento di Acrobat diventa tutto automatico

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dal prossimo aggiornamento di sicurezza di Adobe per Acrobat in Windows il tool di update opera senza ulteriori interazioni con gli utenti

Gli utenti di Acrobat e Acrobat Reader di Adobe disporranno di un nuovo tool di aggiornamento  a partire dalla patch di sicurezza prevista per il 13 aprile : esso permetterà l’aggiornamento delle funzioni di sicurezza in ambiente Windows senza ulteriori interazioni con gli utenti.
Questa funzionalità di aggiornamento silenzioso per i due prodotti rappresenta da parte di Adobe Systems uno sforzo per fornire agli utenti la versione più sicura del suo software. Con il nuovo update, gli utenti di Windows possono configurare Reader e Acrobat in modo da ricevere aggiornamenti in download , senza procedere manualmente nemmeno per approvare preventivamente l’installazione. Sono interessati gli utenti dei Reader e delle versioni complete di Acrobat 9.3.2 e 8.2.2 per Windows e per Mac .
Ma gli utenti Mac non saranno in grado di automatizzare l’intero processo perché il meccanismo di protezione dei Mac prevede che gli utenti forniscano la loro password prima di ogni installazione. Adobe non forzerà automaticamente il download per default rispettando le preferenze fornite precedentemente dagli utenti.

La scelta di Adobe deriva dall’intensificarsi degli attacchi che utilizzano i file di formato Pdf come vettori. Gli esperti citano un rapporto 2010 rilasciato da McAfee che indica che saranno più numerosi gli attacchi del 2010 indirizzati alle vulnerabilità di Adobe che a quelle del software di Microsoft: “ Flash e Reader sono tra le applicazioni più diffuse al livello mondiale e questo consente agli hacker un maggior ritorno dai loro investimenti.
Come spiegano in Adobe gli attacchi per lo più sfruttano installazioni di software non debitamente aggiornate: un aggiornamento automatico è la scelta migliore per la maggior parte degli utenti.