CioEnterpriseFisco e FinanzaProgetti

Gartner: i CIO si preparino per una seconda recessione

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I consigli di Gartner : stabilire subito linee guida preliminari e analizzare il budget IT

Dopo avere gettato un allarme su un’ ulteriore riduzione della spesa IT mondiale, Gartner torna sui temi dei rapporti tra recessione economica e mondo ICT dichiarando che l’attuale stato di incertezza sulle possibilità di un ripresa economica crea la necessità che i CIO siano preparati a ogni eventualità inclusa una seconda recessione.
Come dichiara Ken McGee, vice president e Gartner fellow, “ Anche solo la potenzialità di una seconda recessione del business dovrebbe spingere il CIO a realizzare un piano che tenga conto di questa eventualità. Ma la maggior parte dei CIO non ha una risposta strategica a questa eventualità”. Continua McGee, “ per la prima volta nella storia dell’industria IT oltre il 90 % dei CIO attualmente in carica è in possesso di esperienza pratica e recente di una recessione . Vogliamo stimolare questi CIO a far leva sulla loro esperienza per preparare in modo proattivo la loro organizzazione di fronte a un altro evento recessivo entro i prossimi 12 o 18 mesi”.

Il primo suggerimento di Gartner è di preparare un meeting con gli altri responsabili del business per stabilire alcune linee guida per questa eventualità. Da parte loro i CIO dovrebbero riesaminare i progetti IT già pianificati per questo e il successivo anno fiscale per identificare quelli che potrebbero essere rimandati o annullati.
Il nostro consiglio finale – conclude McGee – è di preparare un piano per una seconda recessione, mettere alla prova questo piano e sperare di non doverlo mai mettere in atto “.