Progetti

Blockchain alla prova dei fatti, i test Swift

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Il report fornito da Swift relativo ai test sulle potenzialità di Blockchain nelle relazioni interbancarie offre i risultati intermedi relativi ai potenziali vantaggi commerciali e alle sfide chiave ancora da affrontare per portare il sistema a livello industriale

Swift è una cooperativa che opera a livello globale offrendo servizi di messaggistica finanziaria e fornisce una piattaforma di scambio in questo ambito, oltre a servizi di accesso, integrazione, identificazione, analisi e compliance con oltre 11mila istituzioni finanziarie clienti in oltre 200 Paesi.
Nel piano strategico della società cooperativa e in collaborazione con 33 banche leader a livello mondiale è stata implementata una fase di test (Proof of Concept, PoC) con la distribuzione di un libro contabile con funzionalità di registro per dare visibilità ai conti Nostro. Il progetto, iniziato a gennaio di quest’anno 2017 terminerà verso fine anno.

Per i non addetti ai lavori spieghiamo in parole semplici cosa sia un conto Nostro.
Viene utilizzato questo termine quando una banca tiene del denaro in un’altra banca e quindi entrambi gli istituti hanno bisogno di tenere i registri su quanti soldi sono depositati presso una banca per conto dell’altra.

Il conto Nostro sarà quindi il conto dei soldi di un istituto detenuto presso l’altra banca. Ecco, in questo ambito, e per questo PoC, i registri per la riconciliazione dei conti Nostro in tempo reale hanno sfruttato le tecnologie Developed Distributed Ledger  (DLT), che in pratica è il termine più preciso per indicare Blockchain.
In questa fase intermedia il PoC curato da Swift sta verificando se effettivamente e come Blockchain possa aiutare le banche a riconciliare i conti in tempo reale, con relativa riduzione dei costi e dei rischi operativi.

TimeLine del Poc di Swift
TimeLine del Poc di Swift

Nel report di Swift (con la relativa possibilità di download) vengono forniti una panoramica del progetto, gli obiettivi tecnici, i risultati relativi ai potenziali vantaggi commerciali, le sfide chiave ancora da affrontare per portare il sistema a livello industriale.

L’attuale modello prevede che le banche monitorino i fondi nei loro conti esteri tramite aggiornamenti di credito e debito e relative dichiarazioni di fine giornata, un lavoro che dal punto di vista operativo e per i processi richiesti occupa tempo e soprattutto rappresenta costi ingenti.
Il rapporto intermedio invece mostra come l’applicazione DLT di Swift sia in grado di offrire funzionalità e dati necessari a supportare la riconciliazione in tempo reale, con visione in tempo reale della liquidità disponibile e prevista sia al proprietario del conto Nostro che al gestore, sulla base di ISO 20022.

Sono emersi vantaggi e progressi ma anche criticità. Si tratta di affrontare le sfide che riguardano la necessità di sviluppare proposte di livello per rispondere ai diversi livelli di evoluzione, automazione e gli investimenti passati delle banche. È inoltre fondamentale che si prendano in considerazione l’integrazione con le applicazioni di back office legacy e la co-esistenza con i processi già esistenti.

Ancora più prudente Damien Vanderveken, Head of Research and Development, SWIFTLab: “I risultati iniziali del PoC della DLT sono positivi. Ci sono stati importanti progressi ma l’ultima generazione tecnologica del blockchain è solo agli inizi e ci vorrà ancora molto tempo prima che diventi maturo e abbastanza scalabile per le applicazioni di importanza critica”.