EnterpriseMobilityNetwork

Video e telepresenza protagonisti di Cisco Live 2010

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

La collaborazione attraverso il video ad alta risoluzione e alcune anticipazioni di telepresenza per il mercato dei consumatori al centro di Networkers at Cisco Live! in corso a Barcellona. La nuova architettura Medianet

Un nome nuovo – Networkers at Cisco Live! – per un evento ormai tradizionale di Cisco Systems che nella sua versione europea per il 2010 ha radunato a Barcellona attorno al tema della tecnologia di rete 3000 partecipanti e diverse altre migliaia in collegamento sulla piattaforma virtuale dell’evento  

Il tema centrale di quest’anno è la collaborazione attraverso il video , spesso nella modalità ad alta risoluzione , e la telepresenza ormai declinata anche nella versione consumer , come anticipato al recente CES di Las Vegas.
Il video è una componente centrale della collaborazione secondo la visione che ne ha Cisco. Nella parte dimostrativa della manifestazione fa bella mostra un sistema di telepresenza aperto ai visitatori e gestito dal provider locale Telefonica. Ma anche la parte dimostrativa inserita nell’intervento principale , gestito da Marthin De Beer, massimo responsabile del Cisco Emerging Techonolgies Group, faceva affidamento su grandi schermi di video conferenza per la dimostrazione di interoperabilità che ha coinvolto Tandbergdi recente acquisita da Cisco – e Polycom. Per De Beer la telepresence è un fatto acquisito nella vita delle grandi aziende per i risparmi e l’incremento di produttività che comporta . Il dirigente di Cisco ha citato il caso del colosso finanziario Hsbc e la recente esperienza dell’evento COP15 di Copenhagen   per il quale Cisco ha fornito 75 stanze di telepresenza, mentre si prepara a fare altrettanto per la prossimo appuntamento in Messico.

De Beer ha guidato lo sviluppo di tecnologie di punta all’interno di Cisco come la telepresence e le soluzioni di sorveglianza video su Ip e i sistemi per i media digitali. E , riprendendo un’affermazione di De Beer che “ il video è come il cioccolato che bisogna assaggiare per capire cosa è”, il suo intervento si è concluso con una dimostrazione in cooperazione con France Telecom di un possibile ( “ non è ancora un prodotto”) sistema di telepresenza in ambito casalingo per consumatori e utenti privati basato su un semplice set top box collegato a un comune televisore ad alta risoluzione.

Venendo agli annunci per il mondo aziendale e professionale , una opportuna introduzione sono le previsioni di mercato che De Beer ha proposto alla platea. Il traffico Ip aumenterà di 5 volte dal 2008 al 2013. Nello stesso anno il 90% del traffico sulle reti sarà video. Sarà di tipo video anche la metà del traffico mobile mondiale entro la fine del 2014.
Per gestire questa esplosione di traffico Cisco ha messo in azione una nuova architettura chiamata Medianet che, composta diversi pezzi di tecnologia dai terminali ai sistemi di switching e routing, è in grado di gestire non solo la telepresenza,ma anche altri tipi di infrastruttura video enabled, dalla comunicazione unificata alla video sorveglianza. Proposta attualmente nella versione 1.0, Medianet verrà consolidata in una versione 2.0 nella seconda metà dell’anno. Non sono mancati annunci puntuali di soluzioni e novità , tutte con il video come filo conduttore.
Cisco Pulse si orienta verso la produttività aziendale realizzando un sistema di ricerca automatico e proattivo all’interno della rete per la ricerca di personale esperto e media di valore per fare leva sull’intelligenza collettiva aziendale in un certo settore.
Cisco Show and Share permette la condivisione di video in un pool di risorse aziendali orientate al lavoro di gruppo. Cattura , editing e publishing di video avvengono in modalità sicura sulla rete aziendale. Cisco media processing si realizza in un apparato MXE 5600 per servizi di media rich application. Mxe è la sigla di Media Experience Engine e consente l’interoperabilità in tempo reale di dispostivi e media nell’ambito della collaborazione. Al centro della rete aziendale, MXE è in grado di gestire la risoluzione del video in funzione del dispositivo , dal telefono Ip fino al sistema di telepresenza.
Più strettamente attinenti alla telepresenza gli annunci di due nuovi endpoint ( 3010 e 3210) per sale a 6 e 18 posti con consumi ridotti e integrazione con sessioni WebEx. Infine Cisco propone sulla base delle sue soluzioni di telepresenza non solo applicazioni di meeting , ma altri ambienti applicativi orientati specificamente alla lezione scolastica del futuro, a una meeting room per team di progettazione, a un Live desk di supporto per operatori telefonici, e alla realizzazione di centri dimostrativi interattivi remoti per far provare e mostrare ai clienti nuovi prodotti e soluzioni.

Secondo i dati comunicati da De Beer sono ormai 3500 i sistemi di telepresenza attivi nel mondo presso 550 imprese.