MobilityNetwork

Trapeze pensa in grande per le reti WiFi di tipo N

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Lo standard N gestito dall’architettura NonStop Wireless

Trapeze Networks, che vanta una quarantina di brevetti nell’area delle Wlan e 2000 installazioni nel mondo, ha messo a punto un’architettura Wlan enterprise in grado di appoggiarsi su una rete Gigabit Ethernet per gestire fino a 32 mila nodi di accesso su più siti .

Le aziende potranno migrare al nuovo standard N in maniera graduale, partendo da quei segmenti che richiedono da subito maggiori prestazioni per poi estendere i 100 Mbps a ad altre aree solo in caso di reale necessità. NonStop Wireless parte dalla versione 7 del sistema operativo Mss ( Mobility System Software) che permette di raggruppare fino a 64 controller Mx-2800 da 28 Gbps.
La nuova versione del sistema operativo che equipaggia tutti i dispositivi della gamma Smart Mobile di Trapeze Networks (access point e controller) integra una nuova tecnologia denominata Virtual Cluster Controller, cuore dell’architettura NonStop Wireless. Si tratta di una funzionalità concettualmente simile a quella della virtualizzazione in ambito server che aumenta esponenzialmente l’affidabilità della rete wireless. Nel caso in cui un access point o un controller non sia disponibile o venga disconnesso, il Mobility System Software effettua un “remap” automatico e intelligente delle risorse, fintanto che il problema non viene risolto.

Un nuovo access point , che porta la sigla Mp-432 , alimentato tramite PoE secondo lo standard 802.3af, permette di combinare due sistemi radio , uno di tipo 802.11 , da B a N, che opera nella banda 2,4Ghz e un altro , di tipo 802.11 , A e N, che opera nella banda da 5Ghz. L’intento è di permettere di partire da una nuova installazione , completamente WiFi di tipo N, oppure di arrivare a una parte di rete con protocollo N , sotto un unico ombrello di gestione ( Ring Master 200) che ha la capacità di configurare automaticamente i nuovi elementi di rete ( controller e access point).

Le funzionalità del software Ring Master sono disponibili anche sotto forma di appliance con RM-200. Si tratta di una soluzione preconfigurata, dotata di sistema operativo Linux e due hard disk da 250 Gb in RAID 1 che permette di gestire fino a 5000 access point.