EnterpriseNetworkService providerStart up

Telecom Italia rincara il conto per partite Iva e piccoli artigiani

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Cinquantaquattro comuni con 80 mila cittadini dell’Emilia-Romagna potranno essere raggiunti dalla banda larga. Ma i costi di attivazione di Telecom Italia salgono del 25% per i clienti business

Telecom Italia dal duplice volto: in Emilia-Romagna combatte il Divario digitale, ma intanto in Italia rende più salato il conto per le Partite Iva (imprenditori e Piccoli artigiani) annunciando che dal prossimo primo ottobre i costi di attivazione per le linee telefoniche (ma anche le spese per passare ad altro operatore) saranno rincarati del 25% (da 96 a 120 euro). Il rincaro è riservato alla clientela business, e dunque non peserà sulle famiglie.

Intanto un accordo fra Telecom Italia, la Regione Emilia Romagna e la società Lepida, impegnata nella realizzazione delle reti a banda larga, consentirà a 54 comuni con 80 mila cittadini dell’Emilia-Romagna di essere raggiunti dalla banda larga, portando il Digital Divide regionale dal 12 al 10%.

Gli abitanti dei comuni coinvolti (Baricella, Camugnano, Castel d’Aiano, Castello di Serravalle, Crespellano, Granaglione, Grizzana Morandi, Medicina, Molinella, Monteveglio, Ozzano dell’Emilia, San Giovanni in Persiceto e Vergato) potranno scegliere l’operatore in libertà.