MobilityNetwork

Tandberg semplifica la conferenza nelle aziende

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

Soluzioni desktop e di telepresenza in un‘ottica di comunicazione unificata interoperabile

Integrando meglio la video conferenza nell’ambiente aziendale di lavoro e portandola fuori dalle tradizionali soluzioni ‘tutto compreso’ da sala riunioni, Tandberg sta espandendo il suo portfolio di soluzioni video verso una maggiore accessibilità d’uso e di costo. Un esempio della strategia di Tandberg che punta sull’interoperabilità delle soluzioni con quelle dei diversi fornitori di sistemi da ufficio ( prima fra tutti Microsoft) e di apparati di comunicazione è il lancio di tre nuovi prodotti che verranno rilasciati al mercato entro la fine dell’anno.

Il lancio italiano è ovviamente avvenuto in video conferenza con la sede di Tandberg a Oslo. In Tandberg tengono ricordare che telepresence rimanda a una terminologia da tempo utilizzata nel mercato per definire la video e audio conferenza in alta definizione. Come spiega Michele Dalmazzoni , country manager di Tandberg per l’Italia, commentando l’annuncio con Network News,Telepresenza significa un conferenza molto vicina a un incontro reale di persona. Non è un nuovo standard. Ci sono diversi player nel mercato Ict che interpretano la telepresenza in maniera diversa. In generale il mercato della video conferenza si sta spostando da esperienze non all’altezza delle aspettative degli utenti verso la comunicazione unificata”.

Le barriere da rimuovere per un’adozione di massa sono la semplicità di accesso alle risorse che devono essere sempre disponibili ( al di fuori del tradizionali sale riunione, come dimostra uno studio applicativo fatto in Vodafone da Tandberg). “Ma la qualità di un incontro virtuale che sostituisce quello fisico con una persona deve sempre essere collegata alla criticità dei contenuti da trattare. Per questo l’offerta di Tandberg va dalla semplice webcam alla telepresenza vera e propria”. Il tutto all’insegna del rispetto degli standard e dell’interoperabilità. “ Spesso – continua Dalmazzoni – la piattaforma Tandberg per la comunicazione unificata è stata chiamata a fare da ponte tra due mondi distanti come quelli di Microsoft e Cisco “.

La collaborazione di Tandberg è però molto stretta con Microsoft che con il suo software domina il desktop e il Backoffice aziendale. Network News è in grado di confermare che nel prossimo anno vedrà la luce la prima webcam full HD di Microsoft realizzata con la collaborazione di Tandberg.

Venendo ai prodotti, la terna dei nuovi annunci è composta da un telefono Ip con video , da un nuovo apparato per la telepresenza e da un nuovo schermo. Due le caratteristiche più significative del nuovo Ip phone E20, dotato di webcam ad alta risoluzione: un microfono a 20 Khz per un audio di alta qualità , un webcam ad alta risoluzione e un video Lcd da quasi 11 pollici. Il telefono, che colloquia con il Video Communications Server Expressway, utilizza il protocollo Sip fino a 768 kbps e dispone dei codec più comuni. Specificamente studiata per le applicazioni di telepresenza l’appliance è in grado di consegnare video ad alta definizione informato 1080p (1920×1080) e audio ad alta risoluzione. Tipico apparato di integrazione, è in grado di gestire 5 ingressi video HD allo stesso tempo. Tratta il protocollo Sip e quello H.323 e può essere collegato fino a 12 fonti HD e a 8 microfoni.
Il terzo prodotto è uno schermo Lcd ad alta definizione da 65 pollici con risoluzione 1080p e audio full duplex stereo. Non mancano neppure novità di mercato con l’annunci di un accordo con Barco per i servizi di tele presenza e uno con HP. Quello con quest’ultima riguarda il sistema Halo che vedrà estendere la sua portata anche agli apparati Tandberg.