Data storageNetwork

Sempre i data center nei pensieri di Cisco. Ora anche un data center trasportabile

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Cisco entra nel mercato dei data center trasportabili. Una versione di Unified Computing System entra in un container

Un anno fa Cisco si convertiva dal networking al business dei sistemi per con la introduzione del suo Unified Computing System, che unificava server e routing con la collaborazione di Emc, Bmc, Netapp Vmware e Intel . Ora il gigante del networking si muove verso la trasportabilità in container della soluzione mettendosi in concorrenza con offerte simili già presenti sul mercato da parte di Ibm, Sun Microsystems ( ora Oracle), Hp, Dell-Microsoft.
Questi data center da viaggio entrano in container di tipo standard di facile trasporto su camion e anvi. Tutto quanto è necessario, server, storage, apparati di rete sono stipati nei container che una volta arrivati a destinazione necessitano unicamente di alimentazione elettrica e di un sistema di raffreddamento per essere subito funzionanti.
Cisco ha confermato che per il suo Containerized Data Center non è stato ancora deciso il formato del container. Le applicazioni , a parte quelle in campo militare, si collocano nell’area delle attività in zone molto calde o difficili da raggiungere. Cisco conta sul fatto che le imprese hanno molto da guadagnare sui costi fissi e operativi impiegando data center in container rispetto a installazioni fisse permanenti.