Network

Red Hat al lavoro sulla virtualizzazione di server e desktop

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La nuova versione di Red Hat Enterprise Virtualisation integra virtualizzazione di desktop e server in un’unica piattaforma che consente una gestione semplificata degli ambi enti a virtuali

Enterprise Virtualisation, nella versione 2,2 va oltre la versione precedente che già prevedeva il supporto dei server Windows e Linux attraverso l’infrastruttura cloud di Red Hat. Infatti la novità della nuova versione è costituita dal supporto dei client virtuali Windows e Linux .
Red Hat Enterprise Virtualization for Desktop consente di implementare configurazioni di Virtual Desktop Infrastructure (VDI), permettendo un provisioning e una gestione scalabile e centralizzata dei sistemi desktop. Offre un broker di connessione web-based, che consente agli utenti finali di accedere ai loro desktop virtuali , abbinata alla tecnologia di rendering remoto open source SPICE, che offre una ricca esperienza multimediale, comprendendo più monitor, video in qualità HD e audio/video bidirezionale per videoconferenze.
Red Hat Enterprise Virtualization for Desktop supporta Microsoft Windows XP, Windows 7 e Red Hat Enterprise Linux Desktop. Gli esperti giudicano l’annuncio come un aggiornamento che mette Red Hat alla pari con altre offerte di virtualizzazione del desktop già presenti sul mecrato. Ma con la versione 2.2, Red Hat Enterprise Virtualization offre anche una scalabilità ai massimi livelli del mercato, con la capacità di supportare guest fino a 16 CPU virtuali e 256 Gigabyte di memoria per macchina virtuale.
Questa release offre anche nuove funzionalità di conversione delle macchine virtuali grazie ad un tool progettato per automatizzare la conversione di macchine virtuali VMware e Xen per il loro utilizzo con Red Hat Enterprise Virtualization. Per semplificare ulteriormente il passaggio delle immagini di macchina virtuale da un ambiente all’altro, Red Hat Enterprise Virtualization 2.2 offre anche la capacità di importare ed esportare immagini di macchina virtuale e template in formato OVF (Open Virtualization Format).