NetworkStampantiWorkspace

Più web nella stampa HP

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dieci nuove stampanti HP aperte a internet. Anche un tablet Android come interfaccia mobile

Con il nuovo anno HP punta a rinvigorire la sua gamma di stampanti con una decina di nuove periferiche che metteranno in grado gli utenti di stampare documenti da web o da smartphone. In più negli Usa ha calato l’asso di una migliore integrazione con i servizi di Yahoo e Apple su Ios 4.2 con software AirPrint. Nell’annuncio entrano in gioco tutte le linee di prodotto: Photosmart, Officejet, LaserJet e Designjet .

Le ragioni di mercato rese note da HP sono l’esplosione dei contenuti e il desiderio di accedervi in ogni situazione. Le attese di HP sono di vendere nel prossimo anno 20 milioni di periferiche con capacità web. Le periferiche standalone stanno dunque diventando dei sistemi multifunzione collegati al web e sono più simili a un computer che a una periferica tradizionale. Questa tecnologia di stampa basata su web e sul cloud permetterà ad HP di offrire servizi IT , anche di tipo gestito, alle grandi organizzazioni in concorrenza diretta con Xerox.

In particolare luce una stampante all-in-one eStation della linea Photosmart in grado di accedere ad applicazioni Yahoo sul web e dotata di un’interfaccia su tablet staccabile da 7 pollici che si basa sul sistema operativo Android ed è in grado di navigare su web. HP sta da tempo facendo esperimenti sulla stampa via cloud come dimostrano gli accordi di inizio anno per la stampa da smartphone Blackberry o con l’accesso a Google Docs.