NetworkSoftware

Microsoft : Windows 7 va bene, ma il futuro sono i servizi del cloud computing

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Windows 7 ha trovato il suo pubblico, ma ora le attese sono per i cloud services

In un intervento alla London School of Economics di ieri Kevin Turner, COO di Microsoft aveva toccato due temi , la crescita esplosiva di Windows 7 e i servizi cloud di Microsoft. Alla vigilia di un annuncio in tema cloud services previsto per stasera ( ora italiana ) Turner aveva dichiarato che Microsoft dispone di un’offerta di cloud services superiore a quella di ogni altra società , a partire dai servizi di email per i consumatori per arrivare ai prodotti enterprise di tipo hosted come Dynamics CRM fino ad Azure, il sistema operativo in cloud.

Nel conto di una spesa globale di Microsoft in Ricerca e Sviluppo di 9,5 miliardi di dollari va anche Windows 7 le cui vendite indicano un ritorno alla grande di Microsoft sul suo terreno di battaglia preferito , quello dei sistemi operativi. Le previsioni di Turner indicano un venduto di 300 milioni di copie per quest’anno.

Ma anche il cloud computing diventerà quest’anno un ‘offerta cruciale per la crescita di Microsoft con Windows Live che offre servizi cloud e Office 2010 che abilita anche sulla piattaforma Office le applicazioni web in cloud computing. Turner ha anche parlato di un’iniziativa , denominata ‘Three Screens and a Cloud’ che collega PC, smartphone e TV.

Tornando a Windows 7 , Peter Klein , direttore finanziario di Microsoft, ha rivelato che 90 milioni di licenze del sistema operativo sono già state vendute quest’anno, contro 60 milioni vendute entro la fine del 2009. E si prevede una migrazione imponente anche da parte delle aziende , una volta disponibile il primo service pack di Windows 7.