M2MNetwork

La visione di Samsung su Internet of Things

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l’evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

A CES 2018 Samsung presenta la sua strategia “onnicomprensiva” in ambito IoT. Tutti i prodotti del vendor da qui al 2020 saranno IoT Ready

Samsung ha investito oltre 14 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo per alimentare l’innovazione nel settore IoT, ha incrementato gli investimenti tramite Samsung Next – l’iniziativa chiave per accelerare il processo di trasformazione in azienda che integra le due anime hardware e software – e ora, entro la prossima primavera, farà debuttare l’applicazione SmartThings dedicata alla sfera Internet Of Things con la promessa che tutti i suoi dispositivi saranno dotati di intelligenza artificiale da qui al 2020.

Il vendor ha anche creato un nuovo centro dedicato alle AI (intelligenze artificiali) come parte integrante dei propri laboratori di ricerca già esistenti. Il lavoro del nuovo centro AI, dislocato nel 2018 su quattro unità a Toronto, Montreal, Cambridge (Regno Unito) e in Russia, sarà completato dalle attività già in corso in Corea e nella Silicon Valley.

Samsung vuole rendere concreta, anche al grande pubblico, l’idea di connettività ubiqua in ogni aspetto della vita di ogni giorno, a casa, in ufficio e in movimento. Da qui il proposito di rendere tutti i propri prodotti IoT ready entro il 2020 e la spinta all’adozione avanzata delle tecnologie IoT attraverso la propria piattaforma aperta e intelligente.

Nella visione del vendor l’ecosistema IoT oggi è frammentato e complesso e rappresenta un ostacolo all’adozione delle stesse tecnologie connesse. Affinché l’IoT possa diventare realmente accessibile, è necessario oggi pensare all’innovazione come elemento aperto e scalabile.

La posizione vantaggiosa di Samsung è data dal solido portfolio di prodotti tra i quali TV, elettrodomestici e smartphone e alla leadership dell’azienda per la connettività 5G. Samsung si ritrova in una posizione ottimale per offrire al mercato un ecosistema IoT aperto tramite SmartThings.

Samsung SmartThings
Samsung SmartThings

Se la completezza del portafoglio permette di spingere ulteriormente il pubblico all’acquisto di prodotto coerenti per fidelizzarlo sui servizi, tuttavia Samsung ha aderito come partner all’Open Connectivity Forum (OCF), l’ente principale in materia di standardizzazione a livello globale e con i chip Artik, i condizionatori e il frigorifero Family Hub di Samsung sono i primi prodotti a essere certificati dall’associazione per i loro livelli di interoperabilità in ambito IoT.

Già nella primavera del 2018 Samsung vuole unire e rendere coerente tutto il proprio ecosistema di applicazioni IoT per cui Samsung Connect, Smart Home, Smart View confluiranno in SmartThings, per connettere e gestire qualsiasi dispositivo abilitato SmartThings direttamente con lo smartphone, il televisore ma anche dall’auto attraverso una singola applicazione.

Samsung inoltre sta andando oltre il concetto di casa intelligente, per estendere l’orizzonte delle possibilità di interazione  all’automobile, e così ha annunciato l’intenzione di collegare Harman Ignite allo SmartThings Cloud (vi faranno parte anche tutti i nuovi Smart TV che inoltre potranno interagire con il nuovo frigorifero Family Hub): in pratica gli utenti saranno ora in grado di gestire la propria casa connessa dall’auto e viceversa.

Samsung ARTIK 05x con la certificazione OCF 1.3
Samsung ARTIK 05x con la certificazione OCF 1.3

Aspetto ancora molto delicato, e quelo in cui Samsung ancora non ha dimostrato appieno di fare bene in tutti i Paesi è quello relativo all’intelligenza integrata negli assistenti digitali e nei dispositivi mobile.

Parliamo ovviamente di Bixby, ancora non utilizzabile in tutte le sue potenzialità in diversi Paesi mentre il vendor sta portando il suo servizio di intelligence personalizzato a un numero sempre maggiore di device.

Così nel 2018, un numero selezionato di Smart TV e i nuovi frigoriferi Family Hub avranno il controllo vocale tramite Bixby per semplificare le attività quotidiane.
L’approccio per quanto riguarda la sicurezza passa da Samsung Knox con la sua architettura di sicurezza in hardware e la disponibilità di aggiornamenti continui ai firmware per garantire la massima protezione. Knox non è patrimonio solo dei dispositivi mobile ma anche delle soluzioni Smart TV e Signage.

Samsung FLIP WM55H
Samsung FLIP WM55H

Per quanto riguarda l’esperienza in ufficio invece Samsung propone Flip, un nuovo prodotto pensato per riunioni e lavori di gruppo che semplifica la collaborazione connettendosi con telefoni e notebook per permettere alle persone di condividere velocemente contenuti e idee all’interno di un gruppo.

Flip WM55H supera la comodità dei tradizionali blocchi di fogli ma anche delle lavagne elettroniche, si presenta con il suo display da 55” offre nuove opportunità per generare idee mantenendo tutta la familiarità del gesto della scrittura.