M2MNetwork

Hitachi punta su Lumada come piattaforma standalone per IoT

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Hitachi e la nuova affiliata Hitachi Vantara annunciano la nuova versione della piattaforma IoT Lumada. I vantaggi di una proposta componibile con immediato accesso agli insights

Hitachi e Hitachi Vantara propongono la piattaforma software Lumada come riferimento per gli sviluppatori in ambito IoT. Hitachi Vantara è la nuova “affiliata”, controllata interamente da Hitachi, destinata ad unificare le operazioni di Hitachi Data Systems, Insight Group e Pentaho in un un’unica unità destinata ad incrementare il business focalizzato su Operational Technologies e IT.

La piattaforma IoT Lumada, arrivata alla versione 2.0, è stata del tutto rivisitata, con un’architettura che ne consenta l’esecuzione in locale come in cloud, a supporto di IoT sia at-the-edge, che core.

La piattaforma Lumada, componibile si è evoluta nell’ottica di offrire più rapidamente informazioni di valore, è quindi in grado di estrarre in modo rapido i dati, procedere ad analisi, suggerire ai clienti direzioni di azione. In Lumada sono stati integrati strumenti di analisi avanzata, con funzionalità scalabili per sfruttare le risorse di Intelligenza Artificiale disponibili. Obiettivo: garantire risultati migliori ai clienti, incrementare le efficienze operative, risparmiare, ma senza rinunciare alla sicurezza, anzi, con una più elevata affidabilità operativa.

L'approccio di Lumada su IoT
L’approccio di Lumada su IoT

Alcuni esempi. La piattaforma ora è in grado di abilitare l’utilizzo di avatar degli asset, in grado di rappresentare in forma digitale asset fisici e ricchi metadati. Sono come interfacce digitali per gli asset aziendali, ma forniscono costantemente informazioni su prestazioni e funzionamento, prelevando i dati dai sensori, così da eliminare punti ciechi e permettere agli operatori di passare dai compiti di “misurazione” a quelli di analisi e remediation. Il nuovo stack software consente inoltre di semplificare creazione e implementazione di soluzioni IoT.

L’architettura della piattaforma Lumada prevede cinque livelli principali sulla scorta di una base software portabile e componibile e strumenti di supporto per l’upload dei dati non strutturati. Li riportiamo come sono proposti dal vendor.

Lumada edge: permette l’acquisizione, la trasformazione e l’analisi di dati di qualsiasi tipo e a qualunque velocità in stretta prossimità con gli asset fisici.
Lumada core: offre la gestione del registro degli asset, il controllo dell’identità e degli accessi e semplifica la creazione degli avatar.
Lumada analytics: combina dati OT e IT per identificare pattern grazie a potenti funzionalità analitiche, di apprendimento automatico e AI.
Lumada studio: offre widget predefiniti per semplificare la creazione di applicazioni dashboard; consente avvisi, notifiche o trasmissioni automatiche (Straight Through Processing).
Lumada foundry: offre servizi di base per una facile implementazione in locale e su cloud, oltre a sicurezza, microservizi e funzionalità di supporto.

L’obiettivo ultimo della proposta Lumada secondo il management di Hitachi Vantara è addirittura quello di superare anche il concetto di piattaforma. Rich Rogers, SVP Hitachi Vantara: “L’obiettivo è semplificare lo sfruttamento dei dati IoT e fornire software, soluzioni e servizi integrati di altissimo livello con l’obiettivo di vedere un giorno tutte le macchine Hitachi connesse a Lumada”

Il software IoT Lumada è disponibile sia per l’acquisto sia tramite progetti di co-creazione con Hitachi e i suoi partner. Non tutte le funzionalità saranno disponibili subito in tutti i mercati.