M2MNetworkProgetti

Business e IT discordi, e l’IoT si ferma al palo

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

In area EMEA le discordanze tra i reparti IT e le linee di business frenano i progetti IoT. I risultati di una ricerca Aruba

Non solo in Emea siamo ben lontani da una vera mentalità DevOps, ma i nostri dipartimenti IT e le altree linee di business poco condividono riguardo le modalità di utilizzo di IoT e la sua natura e il risultato è presto detto a fronte del 50 percento di adozione di IoT in Emea è del tutto evidente la mancanza di allineamento tra le leadership business e IT se si parla di Internet of Things, di cosa sia, di come venga usato e persino della sua effettiva adozione.

Avevamo già registrato la tendenza, proprio partecipando ad alcuni eventi di aziende IT che proponevano case history dei propri clienti. Trovato lo slogan nuovo “Internet of Things” in alcuni casi ci si è fatto entrare un po’ di tutto, giusto per poter dire: “Ci siamo anche noi”. Invece i  risultati dello studio The EMEA IoT showdown: Business vs. IT pubblicato da Aruba (company HPE) ci riporta con i piedi per terra. 

Aruba Studio IoT - L'adozione di IoT
Aruba Studio IoT – L’adozione di IoT

Se è vero che la penetrazione di progetti Internet of Things è destinata a salire, nella nostra regione, fino all’82 percento entro il 2019, al momento la fotografia della ricerca è quella di uno scenario del tutto frammentato, con ogni Paese che dichiara modelli di adozione diversi, percezione delle problematiche di sicurezza diverse e comprensione tout court di cosa Internet of Things sia in realtà pure diverse.

Partiamo proprio da questo ultimo argomento.  Il 65 percento dei responsabili IT definisce l’IoT semplicemente come l’aggiunta della connettività Internet agli oggetti d’uso quotidiano, e la metà dei responsabili business assegna a Internet of Things semplicemente la definizione di automazione dei servizi degli edifici. Siamo evidentemente molto, molto lontani dalla comprensione anche solo del tema tecnologico.

Aruba Studio IoT - La fiducia italiana nella sfida sicurezza
Aruba Studio IoT – La fiducia italiana nella sfida sicurezza

E ne consegue quindi che il disaccordo si mantenga coerente anche quando poi si risponde alla domanda sulla percezione dell’adozione e dell’utilizzo di Internet delle cose. Il 58 percento ritiene quindi di aver adottato tecnologia IoT nelle rispettive organizzazioni, ma la percentuale scende di ben 12 punti percentuali quando a rispondere sono i responsabili IT. E mentre questi ultimi vedono un utilizzo di IoT soprattutto per monitorare le infrastrutture critiche e la manutenzione, i responsabili business invece parlano della fornitura di servizi location based con una certa disinvoltura.

Aruba Studio IoT - La comprensione del tema IoT
Aruba Studio IoT – La comprensione del tema IoT

Se la percentuale di deployment dei progetti Internet of Things è così ottimistica per il 2019, meno lo sono i dipartimenti IT europei con il 13 percento dei responsabili che dichiara candidamente, e a nostro avviso molto onestamente, di non avere alcun piano per il deployment di Internet of Things, mentre per i responsabili business sarebbe già tutto fatto. Lo dice il 93 percento degli intervistati. Business e responsabili dei dipartimenti IT, in sostanza discordi su tutto sembrano non esserlo quando IoT declina i suoi vantaggi, e si utilizza veramente. 

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  “Aumenta la visibilità sui clienti, crea una architettura Big Data con i servizi AWS e Talend”