AcquisizioniCloudDatacenterEnterpriseM2MMobilityNetworkSmartphone

Le brevi della settimana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le novità di SAP, Ruckus Wireless, HPE, Red Hat, Synology, Deutsche Telekom, Netflix

SAP ha definito un servizio per le aziende che intendono attivare iniziative di trasformazione digitale basate su S/4HANA. Si chiama SAP Model Company ed è in pratica una collezione di applicazioni e best practice messe sotto forma di “pacchetti” declinati per mercati specifici, in base alle esperienze che SAP ha sviluppato lavorando con alcuni grandi utenti di quei mercati. Ad esempio, la versione Model Company for Omnichannel Retail comprende funzioni preconfigurate che spaziano dagli analytics alla gestione degli inventari combinando varie applicazioni SAP tra cui Hybris Commerce e Hybris Marketing. Il tutto sulla base della HANA Cloud Platform. I servizi SAP Model Company sono disponibili per una decina di mercati, con ampliamento previsto nel corso dell’anno.

Nell’acquisizione annunciata di Brocade da parte di Broadcom si sapeva che i business diversi dallo storage erano considerati superflui. Ora ha trovato una nuova casa una di queste attività: è quella di Ruckus Wireless, che sarà acquisita da Arris International per circa 800 milioni di dollari in contanti. L’accordo con Arris riguarda anche la linea ICX di switch Ethernet. Arris, che sviluppa dispositivi per il mondo del video online e delle trasmissioni broadband, intende concentrare le attività acquisite in una business unit dedicata al wireless e allo switching.

Il NAS Synology RS3617xs+
Il NAS Synology RS3617xs+

Chi usa un NAS Synology può prepararsi all’installazione di una nuova versione di DiskStation Manager: DSM 6.1. La piattaforma acquista diversi miglioramenti sia per il sistema operativo in sé sia per le applicazioni integrate. In particolare si segnalano una migliore integrazione con Active Directory in cui il NAS fa da controller di dominio, la cifratura delle cartelle condivise e una integrazione più diretta con le funzioni di gestione dei dischi Seagate. Per le applicazioni di sistema le novità riguardano anche la protezione dei dati grazie a diversi miglioramenti per i moduli Snapshot Replication, Hyper Backup, High Availability e Virtual DSM Manager.

HPE e Red Hat hanno avviato una collaborazione incentrata sullo sviluppo di soluzioni NFV basate su OpenStack e destinate agli operatori di telecomunicazioni. L’obiettivo è arrivare a offrire soluzioni pre-integrate della linea HPE NFV System che incorporino componenti Red Hat, tra cui anche Ceph Storage. L’offerta non sostituisce quella basata su HPE Helion OpenStack Carrier Grade ma la affianca. Nell’ambito di questa collaborazione, Red Hat potrà usare gli HPE OpenNFV Labs per la validazione sui sistemi HPE delle sue virtual network function e di quelle sviluppate dai suoi partner. Viceversa, le NFV di HPE saranno certificate per la Red Hat OpenStack Platform.

stethoscopeNetflix non è esattamente il primo nome che viene alla mente come fornitore di applicazioni per la protezione dei dati. Invece ha rilasciato in open source uno strumento denominato Stethoscope: è in sintesi una applicazione web che raccoglie le informazioni di stato e configurazione di un dispositivo e suggerisce di conseguenza le eventuali azioni correttive da implementare per renderlo più sicuro. Netflix sottolinea il fatto che i suggerimenti sono chiari anche per i non tecnici, in modo che gli utenti siano maggiormente informati. Stethoscope dialoga con i dispositivi attraverso piattaforme di gestione, tra cui LanDesk, JAMF e Google MDM.

Deutsche Telekom continua nella sua spinta verso l’offerta di servizi NB-IoT e in questo senso ha delineato il rollout ufficiale dei servizi nei principali mercati in cui opera. Già si sapeva che i lavori erano molto ben sviluppati in Germania, dove il lancio commerciale dei servizi NB-IoT è previsto per il secondo trimestre di quest’anno. Entro fine 2017 avremo anche il debutto in Olanda e il completamento delle reti pilota già installate in Austria, Croazia, Grecia, Polonia, Slovacchia e Ungheria. Deutsche Telekom intende poi aggiornate le sue base station in Europa per supportare NB-IoT nelle bande dei 900 e 800 MHz.

Partecipate alla nostra inchiesta: Sicurezza IT, come difendersi?


… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…