NetworkService provider

La 5G Automotive Association si evolve con ZTE

Giornalista professionista dal 2000. Da 15 anni, Stefano si occupa di giornalismo Ict maturando competenze anche nel consumer electronics. Stefano ha iniziato la sua esperienza giornalistica nel 1996 presso la redazione economica di ItaliaOggi.

Google + Linkedin Subscribe to our newsletter Write a comment

L’associazione 5GAA è stata creata nel settembre 2016 da operatori nel settore automotive e delle Tlc. ZTE realizza piattaforme e ambienti terminal-pipe-cloud sicuri

ZTE entra nella 5G Automotive Association (5GAA) per promuovere l’Internet intelligente sui veicoli. L’associazione 5GAA è stata creata nel settembre 2016 da operatori nel settore automotive e delle telecomunicazioni con l’obiettivo di sviluppare, testare e promuovere soluzioni di comunicazione, supportare la standardizzazione e accelerare la disponibilità commerciale e la penetrazione globale del mercato.

Lo scopo è quello di indirizzare la mobilità connessa e la sicurezza su strada con applicazioni quali la guida automatica connessa, l’accesso ubiquo ai servizi, l’integrazione nelle smart city e il trasporto intelligente. I membri comprendono un ecosistema completo per la smart Internet dei veicoli, comprese case automobilistiche, operatori di telecomunicazioni, provider di infrastrutture di telecomunicazioni, fornitori di chip e di parti di automobili.5g

La 5G Automotive Association si muove in quattro ambiti principali. Uno è legato agli standard: la 5GAA si impegnerà per favorire la standardizzazione e la certificazione di prodotti e tecnologie dialogando con gli organismi normativi coinvolti. Gli altri ambiti sono invece più strettamente tecnologici e vanno dalla definizione dei requisiti tecnici della connettività veicolare (sicurezza, privacy, architetture cloud e via dicendo) allo studio dei principali casi di applicazione delle comunicazioni C-V2X.

Le aziende della 5G Automotive Association danno congiuntamente vita a progetti di sviluppo tecnologico, applicazioni pilota e anche progetti di implementazione su scala più ampia per testare la fattibilità e l’efficacia di soluzioni specifiche.5G shutterstock_219464686

Il tutto puntando anche a un ampliamento della 5GAA stessa. I nomi coinvolti sono importanti ma non sono certo esaustivi del mercato automotive e di quello delle comunicazioni mobili. In questo senso, spiega l’associazione, “diverse aziende hanno già espresso un forte supporto per la 5GAA e hanno dichiarato l’intenzione di farne parte nel prossimo futuro“.

In qualità di fornitore di soluzioni di comunicazioni globali, ZTE è impegnata alla realizzazione di piattaforme e ambienti terminal-pipe-cloud sicuri, aperti e condivisi per la smart Internet dei veicoli. ZTE offre connessioni wireless sicure, efficaci e ubique, una piattaforma di sistema operativo, così come dispositivi in-vehicle come moduli multimodali 4G T-BOX, diagnostica on-board (OBD) e moduli Wi-Fi-in-car per indirizzare esigenze di sicurezza, controllo e informazione. ZTE vanta anche una solida esperienza nel campo dei sistemi di trasporto intelligenti (ITS) con una vasta gamma di soluzioni che coprono il controllo del traffico, gestione del trasporto, emergency telecommunication cluster (ETC) e servizi di informazione. L’internet sui veicoli  è un sotto ecosistema della Global IoT Alliance, fondata da ZTE con svariati partner di mercato. Le reti mobili 4G ad alta velocità sono una piattaforma per l’internet of vehicles intelligente, ma potranno offrire molto di più con l’avvento del 5G.

ZTE è molto lieta di essere diventata membro 5GAA. Stiamo lavorando molto sulle tecnologie 5G e abbiamo fatto grandi passi avanti nella codifica di canale, MIMO, virtualizzazione e slicing della rete, così come il posizionamento accurato. Tutti questi risultati offriranno una nuova esperienza utente per l’internet of vehicles intelligente”, commenta Bai Gang, general manager ZTE 5G product sector.Come M-ICT enabler, ZTE coopererà con i partner per promuovere l’internet of vehicles intelligente e la collaborazione cross-industry”.