MobilityNetwork

Intel aggiorna il chip Atom per tablet e cellulari

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Intel all’attacco di Arm in un mercato ad alto tasso di crescita. I chip Moorestown di seconda generazione acquistano il nome commerciale di Atom Z6

Con l’ultima versione dei processori della linea Moorestown Intel mostra di credere nel mercato dei terminali portatili e va all’attacco della posizione di privilegio di Arm. Intel ha annunciato i nuovi processori Atom della serie Z6 adatti per dispositivi mobili, come smartphone e tablet PC. I chip della filiera Moorestown propongono processori Atom a un solo core che viaggiano tra 1,2 Ghz e 1,9Ghz insieme con un processore grafico in grado di gestire visualizzazioni ad alta definizione.
Nel loro insieme e a livello di piattaforma questi nuovi chip offrono un consumo energetico inferiore, con una riduzione di più di 50 volte del consumo in inattività, una riduzione di più di 20 volte del consumo del sistema audio e una riduzione di 2-3 volte negli scenari di navigazione e video rispetto al prodotto Intel della generazione precedente.
I chip offrono inoltre il supporto per Wi-Fi e 3G/HSPA , oltre che per un’ampia gamma di sistemi operativi, tra cui Android , Meego e Moblin. Intel sta dunque adattando la sua architettura X86 per personal computer al mondo della mobilità e punta alla prossima produzione di tablet PC con tastiera o touch screen che consentiranno agli utenti di vedere video , navigare su Internet e leggere eBook. Arm sembra invece adottare una srtaegia di mercato simmetrica spostandosi dal mondo degli smartphone a quello dei tablet. Ad esempio il nuovo iPad è gestito da un processore sviluppato internamente da Apple (A4) ma basato sul chip Arm . Anche Dell e Lenovo sono al lavoro su tablet a base Arm.