EnterpriseNetworkVoip

Il Mobile VoIP punta verso l’alto

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Gli utenti di cellulari stanno convertendosi in numero crescente alle chiamate VoIP. Il numero dei minuti VoIP raddoppia ogni anno

Arrivano buone notizie per società come Skype dopo che gli analisti dell’inglese Juniper Research hanno rilasciato una previsione secondo la quale il numero dei minuti Voip in mobilità che passeranno sulle reti 3G e 4G raddoppieranno di anno in anno nei prossimi cinque anni. In valori assoluti si parla di 15 miliardi di minuti quest’anno per arrivare a 471 miliardi nel 2015. La soglia dai 100 milioni di utenti sarà superata già nel 2012.
Secondo la società di ricerche la crescita sarà particolarmente forte nei paesi sviluppati che possono trarre vantaggio dalla crescita delle reti 3G. Gli analisti d Juniper Research segnalano che a farne le spese saranno soprattutto gli operatori che si basano su reti WiFi. Il Voip mobile su WiFi permette di bypassare completamente le reti mobili. Il Voip su WiFi costerà agli operatori 5 miliardi di dollari entro il 2015. Alla fine , spinti dalle pressioni della concorrenza e dei regolamenti, i carrier saranno obbligati a cercare alleanze con le società che offrono comunicazioni Voip in mobilità. Skype è la più attiva nel lancio di servizi Voip su reti 3 G.
I dati di Juniper Research sono confermati da quelli di Frost & Sullivan che indicano in 606   milioni di dollari il fatturato Voip mobile generato nel 2008 nel mondo con una crescita prevista a quasi 30 miliardi di dollari entro il 2015. Le ragioni stanno nella sempre più crescente diffusione del tariffe dati di tipi flat, della vendita di smartphone e della sempre più diffusa disponibilità di reti mobili a larga banda.
Un fenomeno in crescita nonostante le politiche dei principali operatori che cercano di scoraggiare questo trend che ha un impatto negativo sul fatturato voce.