EnterpriseMobilityNetworkWorkspace

Il fenomeno Blackberry prende piede

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

Bevilacqua (Rim): non solo l’enterprise. Il focus si è ormai allargato verso i ‘prosumer’. Il mercato italiano è fatto di microattività

Ha fatto le sue ultime apparizioni al Vinitaly di Verona in veste di sommelier e al Salone del Mobile di Milano come guida ai luoghi di ritrovo più amati da designer e architetti. Così il Blackberry si propone anche ai consumatori un uso più personale e meno ‘di lavoro’. Ma Alberto Bevilacqua , di Rim (Research in Motion ) Italia , incontrando Network News preferisce parlare di utenti ‘prosumer’ che utilizzano il terminale mobile come strumento di lavoro , ma anche di intrattenimento nel tempo libero:” Le ultime versioni di Blackberry prevedono più funzioni di multimedialità, integrazione di Gps e software di gestione dei contatti di social networking , da LinkedIn per il lavoro a Facebook per la comunità degli amici”.

E’ anche l’effetto di una svolta decisa dalla canadese Rim per il suo Blackberry per trasformarlo da oggetto di lavoro a oggetto di uso quotidiano. La crescita del terminale sul mercato consumer, che in Italia è gestita attraverso i rapporti instaurati con i carrier, da Vodafone a Tim a 3 Italia a Wind, sembra premiare la società che ha venduto nel mondo 14 milioni di telefoni mobili. Il fatturato di 1,88 miliardi di dollari è realizzato all’ 81% con i terminali e al 14% con i servizi.

Ma esaurita la parte relativa al mondo dei consumatori, dove si deve constatare un posizionamento di apertura verso servizi per il grande pubblico analoga a quella di Nokia, la conversazione con Bevilacqua ha preso prevalentemente la strada del posizionamento di Rim sul mercato aziendale, che viene avvicinato attraverso la mediazione dei grandi carrier nazionali. Qui gioca un ruolo fondamentale la tecnologia di distribuzione dei messaggi  che sta alla base della nascita della società che partita da un polo universitario canadese, è ancora guidata a livello tecnologico dal fondatore Mike Lazaridis.

Una particolare gestione dei pacchetti spediti sulla rete Gsm /Gprs permette di utilizzare sia i server di email aziendali sia i server gestiti nei Noc di Rim con specifiche di crittografia molto alte (Aes e Triple Des) e grande risparmio di banda, soprattutto per quanto riguarda la gestione e la distribuzione degli allegati di posta.
Come noto, l’uso compulsivo ingenerato dalla possibilità di ricevere e inviare email in modo immediato per cui gli utenti non possono vivere “senza” il loro Blackberry è già stato battezzato con il nomignolo di ‘Crackberry’.
Prosegue Bevilacqua, che non rilascia dati per l’Italia: “ Sul mercato Italiano Rim è in forte crescita. Il focus si è ormai allargato verso i ‘prosumer’ non solo l’enterprise. Questo è un punto di forza. L’offerta di Rim tiene conto del mercato italiano che è fatto di microattività. La scelta strategica fatta inizialmente di appoggiarsi sui carrier è stata vincente: ci ha permesso di concentrarci sui prodotti e le soluzioni e di partire con partner che portavano il valore della conoscenza del mercato”.

L’offerta indirizzata alle aziende prevede una soluzione basata sul BlackBerry Enterprise Server (Bes), che consente l’accesso wireless push-based a email e altre applicazioni oltre che l’amministrazione IT in ambienti Lotus Domino, Exchange e GroupWise. Le applicazioni di collaborazione e sincronizzazione delle agende possono essere arricchite dalle informazioni legate alla presenza. Come spiega Bevilacqua, uno dei punti forti del sistema Blackberry sta nella possibilità per i gestori dell’infrastruttura IT di gestire le flotte di terminali con diverse policy di utilizzo personalizzate in funzione degli utenti: password, scelta della applicazioni permesse o proibite, uso della fotocamera, ecc. Per le aziende che adottano gruppi misti di terminali il software BlackBerry Connect software permette ad altri costruttori di dotare i loro dispositivi delle funzioni necessarie agli utenti per utilizzare il server Bes o il Blackberry Internet Service gestito direttamente dalla società nei suoi Noc.

Anche in Italia una serie di partner sta sviluppando applicazioni specifiche con client software sul terminale Blackberry, soprattutto nel campo della automazione delle attività del personale sul campo o per la vendita, mentre con il middleware più adatto è possibile l’integrazione con sistemi Erp e Crm. In Italia alcuni provider come Infracom offrono in outsourcing servizi gestiti di posta su piattaforma Bes.