Network

Huawei completa in anticipo la rete sottomarina MedNautilus

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il potenziamento della rete sottomarina di Telecom Italia Nautilus avviene con un mese di anticipo rispetto alla scadenza prevista

Huawei completa in anticipo sul programma la rete sottomarina MedNautilus. Il potenziamento della rete sottomarina di Telecom Italia Nautilus avviene con un mese di anticipo rispetto alla scadenza prevista.

Ora, grazie al progetto di potenziamento, la capacità massima di trasmissione raggiunge i 640 Gigabit per doppino in fibra, con una velocità di trasmissione che può toccare tra i 2,5G e i 10G al secondo. L’aggiornamento della rete è stato pensato per aiutare MedNautilus ad ampliare la propria capacità di trasmissione predisponendola per future implementazioni di servizi ultra-broadband. Huawei ha saputo rispondere velocemente alle esigenze del cliente offrendo una soluzione avanzata con apparati WDM sottomarini OptiX BWS 1600S, sviluppata per integrare in maniera totale ed efficace il sistema preesistente e ridurre i costi globali di MedNautilus.

Ding Yun, Presidente Network Product Line di Huawei ha affermato: “Siamo felici di poter collaborare con MedNautilus alla realizzazione di questo progetto. Unendo tecnologie d’avanguardia a competenze professionali sulle reti ottiche, Huawei è impegnata nello sviluppo di soluzioni end-to-end innovative e leader di mercato dedicate ai loro clienti”.