NetworkNetwork management

HP: via Cisco dai miei data center

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I sei data center mondiali di HP sono “Cisco free”. Continua il cattivo sangue tra le due società

HP ha annunciato di aver espulso ogni apparato di networking Cisco da tutti i suoi sei data center nel mondo che ora operano solo con prodotti HP. L’annuncio della cacciata di ogni router e switch Cisco dai data center interni indica lo stato di disintegrazione della relazione tra Cisco e HP.

Al momento dunque il networking di HP è costituito solo da apparati Procurve e da altri derivati dall’acquisizione di 3Com avvenuta lo scorso aprile. La sicurezza è affidata a Tipping Point , divisione di 3Com.

Uno dei motivi della mossa è sicuramente di dimostrare che i prodotti HP possono essere usati nei grandi data center, mentre il cambiamento avviene senza danno o interruzioni per la loro operatività quotidiana. Ma a livello commerciale è un ulteriore segno che la mossa di Cisco di entrare nei data center con innovazioni server e partnership con altri vendor (EMC e Vmware) è stata l’inizio di un deterioramento di una partnership che durava da tempo. A questo punto HP avrebbe buon gioco a parlare di maggiore apertura delle sue soluzioni e dei protocolli adottati.

I sei data center al servizio mondiale di HP sono tutti situati negli Usa , dopo che HP ha consolidato in essi i suoi precedenti 85 siti.

Il networking di HP è in grado di supportare oltre 260 Gb di traffico dati su Wan .