Big DataData storageM2MNetwork

George (Microsoft): L’IoT è la nuova normalità. Molta attenzione alla sicurezza

Direttore responsabile di Silicon, ITespresso, ChannelBiz e Ubergizmo dalla nascita, ama analizzare le dinamiche del mercato IT e le strategie dei vendor. Scrive da più di vent'anni di tecnologie, acquisizioni, hardware e software. Modera convegni e seminari. In passato ha diretto Techweekeurope, Gizmodo, Vnunet, PC Magazine e PC Dealer, iniziando il percorso professionale a Computerworld Italia dopo la laurea.

Videointervista – Nel 2017 Microsoft rilascerà nuovi prodotti dedicati al mercato dell’IoT puntando sulla sicurezza e sui partner. Sam George, partner executive director di Microsoft Azure, fa il punto sulle sfide che l’IoT implica, considerandola però già un dato di fatto

Standard e interoperabilità sono i punti di forza dei progetti IoT e in questa ottica Microsoft ha fatto diversi annunci di soluzioni che arriveranno sul mercato nei prossimi mesi, scegliendo per anticiparli la platea dell’IoT Solutions World Congress
Prodotti che riguardano la sicurezza (Security Program for Azure IoT), migliorie per l’Hub per la gestione dei device  (Azure IoT Hub) per supportare la gestione di device multipli, nuove funzionalità IoT integrate in Azure Routing e il nuovo kit Azure IoT Gateway Sdk pensato per gli sviluppatori. A questi si affiancherà il programma Azure Certified IoT che sottende il legame con i partner.

“Siamo molto legati all’ecosistema dei partner IoT – spiega in questa videointervista Sam George, partner executive director di Microsoft Azuree molta della trasformazione attesa da questo mondo sarà nel manufacturing, in ambito energetico (“energia più efficiente e pulita”), nella trasformazione di beni e persone  in ottica di maggior sicurezza, smart cities, agricoltura (“migliore filiere e alta qualità”), sicurezza pubblica, sanità”.  

Ci saranno 21 miliardi di oggetti connessi entro il 2020 che genereranno un mercato IoT da 1.3 trillioni di dollari: il 70% di questo volume di affari arriverà dal mondo BtoB. E le aziende devono mettersi in moto, partendo dall’analisi dei loro asset er cogliere le opportunità. “Conoscere i propri punti di forza e di debolezza, ciò che in azienda è in salute e ciò che è stato perso nel proprio business, è fondamentale – precisa George -. Conoscere dove gli asset sono e quali strumenti di insight isi debbano usare per acere risposte in real time e sanare le falle è altrettanto fondamentale. La trasformazione aziendale introduce nuovi modelli di business, oltre a nuove linee di prodotto focalizzate sull’analisi dei dati e a processi ottimizzati dove si concepisce il device as a service”.

Secondo il manager l’impatto dell’IoT è “massivo e IoT è la nuova realtà per questo i 36 siti di datacenter di Microsoft al mondo supporteranno la strategia IoT di partner e clienti.  “L‘IoT è la prossima onda del computing dopo il mobile e il web prima. Si può affontare solo con un ecosistema di partner affidabile”.
Nella videointervista i dettagli e le anticipazioni dei prodotti dedicati al mondo IoT in arrivo nel 2017.