Network

D-Link , wireless Lan sicure e centralizzate

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Switch e access point 802.11n: D-Link lancia una soluzione wireless unificata per le medie e grandi imprese

D-Link offre oggi una soluzione 802.11n fully managed e unificata per le medie e grandi imprese che vogliono incrementare la capacità della loro rete wireless in maniera organizzata e scalabile. Le nuove soluzioni garantiscono la sicurezza della rete segnalando possibili guasti o furti di access point e individuando eventuali intrusioni nella rete wireless.
Il DWS-4026 è uno switch Gigabit PoE con funzioni integrate di controller, in grado di gestire da solo fino a 64 access point wireless N e fino a una combinazione di 4 switch . Il DWL-8600AP è il nuovo access point dual-band (2,4 e 5 GHz) di D-Link. Lo switch permette agli amministratori di rete di impostare le funzioni di gestione e la configurazione in modo centralizzato; consente inoltre di avere il controllo, la sicurezza, la ridondanza e l’affidabilità necessarie per modulare e organizzare le reti wireless . Il DWS-4026 gestisce centralmente le policy di sicurezza di accesso alla rete wireless, mentre i telefoni IP e ai PDA con VoIP integrato possono funzionare perfettamente all’interno della copertura Wifi fornita dagli access point.
La qualità del servizio voce è garantita dalla capacità dello switch di assegnare priorità al traffico voce rispetto al traffico dati. Funzionalità di bilanciamento del carico permettono di equilibrare il carico del traffico tra i vari access point all’interno di reti sovraffollate assegnando, a ciascun dispositivo connesso, l’access point con il carico di lavoro minore tra quelli visibili dal dispositivo stesso.
Lo switch ha inoltre la capacità di modulare il segnale di ciascun access point, di ridurlo o incrementarlo per andare a coprire eventuali aree prive di segnale.