EnterpriseNetworkSoftware

Citrix: XenClient cambierà la gestione dei portatili aziendali

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Wasson (Citrix) : con XenClient un’esperienza utente sicura e di qualità senza problemi di gestione da parte dell’IT aziendale

La questione VDI ( Virtual Desktop Infrastrutture ) e la virtualizzazione del desktop – in altre parole la possibilità di far girare un sistema operativo desktop e tutte le applicazioni di un qualsiasi utente su un server remoto senza molto o nessun software che giri sul client e in estrema sicurezza- sono state al centro dell’evento utenti annuale di Citrix – Synergy 2010 – negli Usa nello scorso maggio. In Italia una sintesi degli annunci di prodotto in area virtualizzazione del desktop è arrivata portata da Wes Wasson , Chief marketing officer della società, che parte da una presmessa : “ Il virtual desktop è in alto sulla lista delle cose più importanti da fare nell’agenda di tutti i CIO . Dopo Synergy un’indagine presso i CIO presenti ha rivelato che nell’arco di tre anni il cento per cento dei desktop aziendali sarà virtualizzato“. Il nuovo XenClient – nelle promesse di Wasson- rivoluzionerà i processi con cui i client sono gestiti e oggetto di provisioning dai data center aziendali. E’ frutto di una partnership annunciata con Intel per la parte hardware ( è richiesto Vpro) già nello scorso anno e porta con sé l’adesione di Dell e HP per la parte computer . Il prodotto , al momento solo annunciato, sarà disponibile con il prossimo importante aggiornamento di Xen Desktop da parte di Citrix, nella seconda metà dell’anno
. Su richiesta di Eweekeurope.it Wasson ha tenuto a differenziare l’applicazione da View di Vmware : ”Esistono diversi tipi di virtualizzazione del desktop che stiano non sul device, ma siano gestiti dal data center. In ogni caso il data center diventa una specie di stazione televisiva in grado di raggiungere in broadcasting gli utenti aziendali “ .
Ma questo può essere fatto con modalità diverse. Rispetto a View l’esperienza utente è migliore grazie alla tecnologia HDX di Citrix. Con XenClient , che è in fase di test da una decina di mesi con una versione Express del software , le aziende potranno non utilizzare più software lato server svincolandosi anche da qualsiasi obbligo di utilizzare una sola piattaforma di virtualizzazione per servire al client il desktop desiderato, sia essa ESX o Hyper-V. Il software viene incontro a una duplice esigenza dell’IT aziendale: risolvere una volta per tutte ogni preoccupazione riguardo alla sicurezza e ridurre drasticamente i costi di gestione del desktop degli utenti . Con una casa in più, specifica dell’offerta di Citrix: un collaboratore esterno all’azienda o un dipendente interno che vorrà utilizzare il su personal computer privato ( come succede fin da ora in Citrix) potrà farlo . I dati creati dalle applicazioni aziendali potranno essere crittografati automaticamente e saranno cancellati da remoto se il portatile viene smarrito o rubato. In pratica , pare di capire, i lavoratori ottengono la immagine software registrando il loro sistema abilitato a XenClient con una macchina virtuale di sincronizzazione nel data center. Dopo di ciò potranno scegliere tra le macchine virtuali disponibili per loro quella che preferiscono. L’immagine resterà poi automaticamente sincronizzata e gli amministratori potranno gestire tramite policy quanto gli utenti fanno con la loro immagine di macchina virtuale
. Il desktop virtuale sarà poi anche disponibile su Smartphone ( qualsiasi sistema operativo , tranne Symbian) . Ma Synergy 2010 reca novità anche per la parte di virtualizzazione dei server .
Per quanto riguarda la rete la soluzione Netscaler ( accelerazione , sicurezza e load balancing) riceve la flessibilità di acquisirla a pagamento secondo la modalità “pay as you grow”. Xenserver vien rinfrescato a passa alla versione 5.6. Secondo i dati forniti da Idc e citati da Wasson XenServer ha raggiunto una quota di mercato del 20% , raddoppiando nel 2009 quella di cui già disponeva. Sono oltre 45 mila i clienti che ne fanno uso. Le prossime novità di Citrix son attese per ottobre quando partirà la versione europea di Synergy 2010 in Germania.