BroadbandCloudDatacenterNetwork

Cisco: traffico cloud oltre i 14 zettabyte nel 2020

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le aziende puntano sempre più ai servizi cloud e il traffico cloud cresce di conseguenza, soprattutto sulla spinta di IoT, analytics e Big Data

Le aziende passano sempre più al cloud e come conseguenza cresce fortemente il traffico di rete per l’accesso alle applicazioni e ai dati appunto nella “nuvola”. Lo testimonia il nuovo Cisco Global Cloud Index, secondo il quale il traffico cloud è destinato a crescere dai 3,9 zettabyte l’anno del 2015 ai 14,1 del 2020. In confronto il traffico legato ai datacenter tradizionali ha un andamento ben diverso: nel 2015 era di 827 exabyte, nel 2020 raggiungerà gli 1,3 ZB.

Ovviamente la distribuzione del traffico segue la collocazione dei workload. Cisco stima che nel 2020 solo l’8 percento dei carichi di lavoro sarà gestita nei datacenter tradizionali. Una percentuale bassa che deriva anche dalle ottimizzazioni e dai fattori di scala dei datacenter cloud: se nel 2015 questi potevano gestire mediamente 7,3 workload per server, nel 2020 saliranno a 11,9. In confronto lo stesso rapporto per i datacenter tradizionali passerà da 2,2 solo a 3,5.

cisco-cloudCome prevedibile la gran parte dell’elaborazione in cloud è legata alle applicazioni e ai workload business, che nel periodo considerato cresceranno di 2,4 volte. Il cloud consumer ha un ruolo minore (21 percento dei workload gestiti nel 2015) ma un tasso di crescita maggiore: di 3,5 volte da qui al 2020, anno in cui per effetto di questa crescita rappresenterà il 28 percento del carico di lavoro.

Ragionando per singole applicazioni, nel mondo business è la parte IoT/analytics/database a crescere maggiormente passando dal 20 percento dei workload del 2015 al 22 del 2020. In campo consumer l’applicazione regina non è invece unica: a guidare la crescita sono lo streaming video (dal 29 percento dei workload nel 2015 al 34 nel 2020) e il social networking (dal 20 al 24 percento).

E se il cloud può gestire tipi diversissimi di applicazioni e workload, un tema resta trasversale e comune: tutti hanno bisogno di spazio di storage. Le previsioni Cisco indicano una crescita dello storage installato nei datacenter da 382 EB nel 2015 a 1,8 ZB nel 2020, di cui l’88 percento nei datacenter cloud. Uno spazio che sarà destinato soprattutto ai Big Data e ai loro 247 EB nel 2020.