CloudCloud managementM2MNetwork

Che (Red Hat): Le partnership sono strategiche per il business IoT

Direttore responsabile di Silicon, ITespresso, ChannelBiz e Ubergizmo dalla nascita, ama analizzare le dinamiche del mercato IT e le strategie dei vendor. Scrive da più di vent'anni di tecnologie, acquisizioni, hardware e software. Modera convegni e seminari. In passato ha diretto Techweekeurope, Gizmodo, Vnunet, PC Magazine e PC Dealer, iniziando il percorso professionale a Computerworld Italia dopo la laurea.

Videointervista – Bryan Che, general manager Cloud Product Strategy di Red Hat, sottolinea la relazione forte con gli sviluppatori e l’importanza degli accordi stretti con aziende dal calibro di Ericsson o di Bosch. Alla base un sistema di bulding block su codice open source

L’accordo delle scorse settimane tra Red Hat e Ericsson, per unire le forze in ambito IoT e 5G, è una delle partnership che Red Hat ha siglato negli ultimi anni per portare avanti la sua strategia nel mercato dell’Industry 4.0.  “L’IoT richiede software standardizzati e fa leva su architetture che si poggiano sul grandi  datacenter, che devono supportare la crescente richiesta di connessione dei dispositivi connessi. Il cloud è centrale nelle strategie IoT” precisa Bryan Che, general manager Cloud Product Strategy di Red Hat (incontrato in occasione dell’IoT Solutions Word Congress di Barcellona). “Ericsson, essendo un provider di connettività, ci permette di avere una relazione stretta con chi sviluppa le reti 5G del futuro e di cogliere nuove opportunità, all’origine”.

Ma non solo le partnership tecnologiche sono strategiche, ma anche la relazione con gli sviluppatori di qualsiasi ambito industriale.  In che modo? Quali i punti di forza? “La nostra missione è fornire dei building block, open source, sui quali poi i diversi partner possono realizzare le loro soluzioni ed estendere i servizi. Per questo sostengo la strategicità dell’ecosistema dei nostri partner  in qualsiasi ambito di svilupo”.

Che, responsabile della strategia cloud da molti anni, ha gestito importanti acquisizioni di società tecnologiche.  Quali le prossime? L’IoT porta con sé due benefici: nuovi fonti di guadagno e nuovi business che in precedenza non si potevano fare”.  Nella videointervista tutti i dettagli.