Network

Cap si lancia nel project management con The Base

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La società ligure inaugura un’iniziativa focalizzata su uno dei temi caldi di questo periodo, in joint venture con Marco Sampietro, docente della Sda Bocconi di Milano ed esperto internazionale in materia

Fra industria privata e mondo universitario esistono collaborazioni e commistioni a vari livelli, ma non è troppo frequente vedere un docente direttamente coinvolto in un’intrapresa che ai fini divulgativi associa una chiara componente di business.

È successo fra un’azienda come Cap, system integrator con base nella periferia di Milano e sette sedi dislocate sul territorio nazionale, e Marco Sampietro, docente presso la Sda Bocconi School of Management ed esperto di fama internazionale in materia di project management. Proprio questo è l’ambito della collaborazione, che ha portato alla creazione di The Base, joint venture dedicata a tradurre metodologie e approcci in servizi che possano pragmaticamente tradursi in ritorni positivi sulle performance dei sistemi informativi e delle aziende nel loro complesso.

Potrebbe sembrare, di primo riflesso, un tema ostico, ma i protagonisti dell’iniziativa tendono a evidenziare aspetti di segno opposto: “In passato, il project management ha avuto un’accezione soprattutto tecnica – spiega Luca Abatello, business solution manager di Cap – ma ormai molte realtà si sono rese conto che il tema riguarda soprattutto le modalità gestione delle risorse allo scopo di ottenere risultati”. Sampietro aggiunge come proprio in tempi di crisi questo sia un investimento strategico: “Oggi siamo in grado di misurare il valore del project management e quindi possiamo concretamente rilevare quali risposte possa dare al fabbisogno di riduzione dei costi e quanto rapidi possano essere i tempo per apprezzare i risultati. Inoltre, può essere affrontato secondo una logica modulare, partendo anche da piccoli investimenti”.

The Base utilizza la metodologia “Value driven project management”, sviluppata proprio dal professor Sampietro, il quale, tra le altre cose, ha anche suddiviso in cinque i livelli di maturità raggiungibili nell’applicazione di questa materia in azienda: “Il vero salto di qualità si ottiene arrivando al livello 3, quando il successo dei progetti raggiunge un valore misurabile nel 45%, in drastica ascesa dal 30% del livello 2. La media mondiale, oggi, si colloca su un valore di 2,7, ma in Italia siamo sotto il 2”, sottolinea il docente. La citata metodologia è divisa per fasi e parte dall’individuazione a maggor potenziale inespresso o problematicità di un’azienda, rilevando le cause che ostacolano il raggiungimento di migliori performance e valutando le opportunità di azione: “L’idea è di concentrarsi su poche aree ad alto valore aggiunto – precisa Sampietro -. In breve tempo, si possono raggiungere livelli di performance altrimenti difficili da ottenere, ma anche ridurre la complessità legata al cambiamento”.

L’approccio di The Base, dunque, sarà prettamente consulenziale, proponendo interventi concentrati su una singola area (con un unico referente) o indirizzato su aree indipendenti (quindi con più attori). L’offerta comprende la personalizzazione dellametodologia, le fasi di analisi e studio a monte, l’applicazione di tecniche avanzate di pianificazione e controllo, l’implementazione del software, l’integrazione con le applicazioni aziendali esistenti e l’erogazione dei correlati servizi.

La novità si innesta in uno scenario che porta a evidenziare maggiormente l’anima consulenziale di Cap, azienda che integra le soluzioni di numerosi vendor (Microsoft, Ibm, Hp, Citrix, Symantec, VmWare, Cisco, Oracle, Ca e Novell, fra gli altri), ma investe in proprio il 5% del budget in ricerca e sviluppo (ora soprattutto in ambiti come il ticketing, i pagamenti mobili e i sistemi contactless). Oltre a soluzioni di Erp esteso, Cpm, Rfid, mobilità e portali, esiste il laboratorio Wmc, che si occupa di proporre servizi di marketing digitale. La società conta oggi  su oltre 200 dipendenti e un fatturato (2008) di poco inferiore ai 27 milioni di euro.