EnterpriseNetwork

Banda larga, sempre più stretta

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Lo sblocco dei fondi è vicino, ma i fondi saranno dimezzati. Da 800 milioni si passa temporaneamente a 400 milioni di euro, solo una goccia

I sogni di gloria della banda larga italiana si sciolgono come neve al sole. Il governo sta per scongelare i fondi, messi in stand-by a causa della crisi, ma con una brutta sorpresa:i fondi per la banda larga sono dimezzati, da 800 a 400 milioni di euro. Una goccia nel mare del Digital divide italiano: contro il divario digitale, saranno poca cosa.

Il dimezzamento è stato definito temporaneo, ma sembra essere sicuro, stando a quanto detto da Renzo Turatto, capo del dipartimento per digitalizzazione e dell’innovazione della Presidenza del Consiglio, e riportato da ZeusNews. Ma sarà difficile capire cosa si può fare con appena 400 milioni di euro, quando il Piano Romani ne doveva stanziare 1,4 miliardi di euro.

Il via libera ai fondi dimezzati dovrebbe arrivare dal prossimo Cipe. Nel resto del mondo gli investimenti per la banda ultra larga sono imponenti: Fcc negli Usa ha chiesto al governo Obama di mettere sul piatto 18 miliardi per portare i 100 Mega a 100 milioni di case statunitensi; in Gran Bretagna il partito dei Conservatori, probabile vincitore alle prossime elezioni, vuole i 100 Mega entro il 2017; e la Francia di Sarkozy si muove per digitalizzare la Francia. Secondo Gartner, a creare la domanda di super banda larga saranno i video in alta definizione.

Servirebbero, come minimo, 1,4 miliardi di euro per combattere il Digital Divide (divario digitale) in Italia e portare la banda larga a tutti gli italiani in vista di E-gov 2012 (la riforma Brunetta della PA Digitale).

L’apartheid digitale riguarda 12 italiani su 100, pari a circa 7 milioni di cittadini, e il Piano Romani da 1,47 miliardi di euro rappresenta la prima vera via d’uscita.

La banda larga non è un optional in un paese che aspira ai piani alti delle classifiche Ocse, G8 e G20. In cifre, la banda larga rappresenta un volano per l’economia. Infatti, ogni euro investito in progetti di broad band, genera 4 euro di Pil (fonte: Ocse).

Il Piano Romani, se fosse attuato nei termini previsti inizialmente, porterebbe lavoro a 4mila ingegneri, 11mila tecnici, 13mila operai specializzati, 15mila operai comuni e 6mila impiegati. La riforma Brunetta della Pa digitale può produrre risparmi per 5 miliardi di euro alle Pmi.

Leggi anche:Reti Ngn e banda larga, a che punto siamo?

Di’ la tua in Blog Cafè: Metà soldi per la banda larga