MobilityNetwork

Banda larga e wireless nella provincia di Bergamo

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

Abm Ict coprirà 100 comuni coinvolgendo Bt, Foundry e Alcatel Lucent

Sarà portata a termine entro l’anno con un investimento di 18 milioni di euro realizzato utilizzando la formula del Project financing un’iniziativa della Provincia di Bergamo per la diffusione della banda larga con una dorslae in fibra ottica di 400 chilometri che interesserà parzialmente il territorio della provincia e coinvolgerà comuni e pubblica amministrazione locale, aziende e consumatori. Il progetto è nella responsabilità di Abm Ict ( Azienda Bergamasca Multiservizi Information Communication Technology ), controllata dall’ente provinciale, che deve sviluppare il progetto e provvedere al suo mantenimento.

La rete di comunicazione a banda larga, che mescola tecnologie di trasmissione e accesso in fibra e wireless, una volta ultimata, sarà al servizio di un bacino di 600 mila cittadini per un totale di 100 comuni e di 45 mila imprese. Con il coordinamento tecnico di Sirti per la posa della rete passiva in fibra e di Bt che si è aggiudicata la fornitura, l’installazione, l’attivazione degli apparati attivi e del software per trasmissione dati sulla rete a banda larga, Abm Ict ha scelto una soluzione Carrier Ethernet con servizi Ip Mpls (Multi Protocol Label Switching) che si basa su apparati Foundry Networks NetIron MLX. Si tratta di un totale di 100 router che verranno utilizzati da Abm anche per il proprio centro di controllo operativo (Noc) per monitorare l’affidabilità e le prestazioni di tutta la rete a larga banda. La rete Ip Mpls implementata ha una configurazione in grado di gestire fino a una velocità massima di trasferimento dati pari a 10 Gbps completamente simmetrici ed è già predisposta per un incremento fino 100 Gigabit .

Il primo servizio che verrà erogato su Ip sarà la voce, accompagnata dalla distribuzione sul territorio di Servizi di utilità pubblica fruibili via web (Certificazioni Anagrafiche, Catastali, pagamenti elettronici, liste di collocamento etc.). E’ prevista anche con l’appoggio degli sportello locali delle società l’offerta di banda di accesso anche alla clientela residenziale. Come spiega Laura Capodicasa, direttore generale di Abm Ict , il progetto possiede anche una valenza di riduzione del cosiddetto digital divide per una parte dell’area coperta dalla nuova rete e di offerta di servizi wireless a visitatori e turisti.
Quanto alla parte degli accessi wireless alla rete , Alcatel Lucent ha ottenuto il contratto come integratore principale con un consorzio che comprende anche Valtellina Spa. Alcatel Lucent gestirà dal Noc piattaforme e sistemi WiFi e Hyperlan. La parte wireless dell’iniziativa punta su un elevato tasso di eco sostenibilità . L’ impatto ambientale è stato ridotto al minimo tramite il riutilizzo dell’infrastruttura già esistente e con l’impiego di antenne compatte e di tecnologie radio a bassissima potenza.