NetworkNetwork management

Aerohive Connect: gestire la rete Wi-Fi in cloud si fa più semplice

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Aerohive Connect è un pacchetto completo hardware e cloud per realizzare reti Wi-Fi e gestirle nella “nuvola”

La californiana Aerohive Networks spinge da tempo sul concetto di gestione in cloud delle infrastrutture Wi-Fi, un concetto che ha anche implementato in modo esteso, ossia toccando anche la rete cablata, attraverso partnership tecnologiche tra cui quelle con Juniper e con Dell. L’idea è che la gestione in cloud sia intrinsecamente più semplice per gli utenti e anche meno costosa.

In questa scia si inserisce ora la novità di Aerohive Connect, che nella sostanza si propone come un pacchetto integrato di hardware (gli access point) e software (network management in SaaS) per realizzare una rete wireless e gestirla via cloud. L’ottica è quella della semplicità di configurazione e utilizzo, anche a scapito di qualche funzione di management più evoluta e limitando il supporto hardware a due soli access point dell’offerta Aerohive.

Una schermata della dashboard di Aerohive NG
Una schermata della dashboard di Aerohive NG

L’offerta si basa infatti su HiveManager Connect, una versione semplificata della piattaforma di gestione tradizionale della società californiana. L’architettura di gestione sottostante è la stessa delle piattaforme più articolate ma le funzioni abilitate sono quelle considerate più interessanti per l’utenza ideale del servizio: realtà che non hanno uno staff IT nutrito e nemmeno grande budget per la rete. Ma che non devono nemmeno gestire una rete complessa.

Ci sono le funzioni chiave di monitoraggio della rete e dei client, provisioning degli access point, pianificazione delle frequenze radio, configurazione guidata e protezione delle connessioni. Se nel tempo poi servono funzioni più complesse, chi usa Aerohive Connect può passare al modello di gestione, sempre in cloud, Aerohive Select. Questo offre tra l’altro il controllo di switch e router, l’uso di HiveManager on-premise o in un cloud privato, il controllo del traffico delle applicazioni e l’identificazione di client “pirata”.

L'access point AP122
L’access point AP122

Lato hardware Aerohive Connect prevede due modelli di access point compatibili: il nuovo AP122 e il già commercializzato AP130. Il primo viene proposto a 229 dollari (prezzo di listino anche internazionale) e il secondo ha visto ribassato il suo prezzo da 599 a 299 dollari. Questo poi diventa di fatto il prezzo anche di Aerohive Connect, perché il servizio è associato agli access point stessi e non esiste senza.

Sia AP122 sia AP130 sono access point 802.11ac con funzioni MIMO 2×2. Il primo è indicato per la copertura di grandi spazi, ad esempio in ambienti retail, e supporta accessori esterni come i beacon attraverso collegamenti Bluetooth o USB.

Partecipa alla nostra inchiesta: La tua azienda adotta soluzioni cloud?

… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il whitepaper “Il business case per la sicurezza a più livelli