MobilityReti

IDC: con l’IoT andiamo verso l’azienda “ever-connected”

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Non solo la mobility, ma anche l’IoT e la realtà aumentata portano ad architetture di rete complesse e variegate

Vi sembra già complesso affrontare l’evoluzione delle architetture di rete imposta dalla diffusione massiccia delle “relazioni mobili” con dipendenti, collaboratori e clienti? Preparatevi a una evoluzione ancora più marcata che porterà dal concetto di “mobile enterprise” a quello di “ever-connected enterprise”: è l’opinione di IDC, secondo cui le imprese dovranno assorbire in un ecosistema aziendale mobile non solo i soliti smartphone, tablet e notebook ma anche dispositivi wearable, di realtà aumentata e soprattutto IoT.

Tutto questo, in prospettiva, porterà nuovo modello d’impresa basato su una rete eterogenea formata e alimentata da dispositivi, sensori e persone: tutte sorgenti di un flusso di informazioni dalle quali l’impresa deve estrarre valore. Per questo scenario IDC non parla più di mobility ma di augmented mobility.

Secondo le ultime previsioni rilasciate da IDC, nel 2018 la spesa in mobility delle aziende di tutto il mondo arriverà ad assorbire fino al 50 percento dei budget IT. Contestualmente, questi budget subiranno sempre più pressioni dalle iniziative IoT via via che il confine tra i due mondi si assottiglierà.

Enterprise mobility 2017Proprio nell’ottica dell’augmented mobility, IDC prevede che già nel 2017 il 25 percento delle organizzazioni IT inizierà a testare applicazioni aziendali di realtà aumentata da usare in abbinamento a dispositivi mobili come gli smartphone e i tablet. L’uso della realtà aumentata sui device mobili consentirà di creare nuovi processi aziendali più efficienti così come di aumentare la sicurezza e la produttività dei lavoratori. Entro il 2018, poi, il numero delle app mobili in uso nelle aziende di tutto il mondo raddoppierà, un trend questo dettato anche dalla spinta all’adozione di app mobili da parte delle linee di business.

Nella nuova ever-connected enterprise, secondo IDC, aumentano i problemi in termini di gestione della complessità e della sicurezza. Da qui l’importanza del ruolo del CIO e la necessità di una profonda collaborazione dell’IT con il business per il successivo stadio d’evoluzione imposto dall’augmented mobility: il passaggio da progetti isolati a strategie trasversali e definite di “omni-experience”, che partendo dall’interno dell’azienda abbracciano l’intera catena del valore e il mercato dei consumatori.