EnterpriseMobility

Wind e Huawei: strategia per la banda larga fissa e mobile

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Un accordo tra Wind e Huawei prevede la creazione di un Innovation Lab congiunto a Roma ed alcuni progetti inerenti lo sviluppo delle reti HSPA mobile e in Fibra ottica per la banda ultra larga

Huawei e Wind hanno siglato una partnership strategica per la realizzazione di un Innovation Lab congiunto a Roma e di quattro progetti chiave in quattro aree strategiche. Il nuovo Innovation Lab di Roma è finalizzato alla ricerca e all’implementazione di tecnologie nel campo delle telecomunicazioni fisse e mobili e nelle comunicazioni convergenti. Queste attività porteranno a innovazioni a beneficio sia di Wind sia dell’intero gruppo Orascom Telecom.

La partnership prevede il coinvolgimento di Huawei in quattro distinte aree tecnologiche:
– SingleRAN: Wind adotterà la piattaforma Huawei integrata multistandard per la trasmissione di servizi broadband 2G e 3G. Il progetto riguarderà 7 regioni in Italia e i nuovi standard di trasmissione adottati saranno HSPA+, LTE e IP ready. Huawei, inoltre, si occuperà dell’intera gestione del progetto, compresa l’acquisizione e la costruzione dei siti e la progettazione della rete;
– Rete di trasporto SDH basata su protocollo IP di nuova generazione
– Soluzioni per centrali di transito per la rete Core di Wind: la struttura potrà in una prossima fase anche supportare i servizi VoIP e altri servizi più avanzati basati su IMS;
– FTTx: Huawei affiancherà Wind nel migliorare i servizi di banda ultralarga tramite la tecnologia point to point, dimostrando la sua affidabilità per uno sviluppo più ampio della fibra in Italia.