Mobility

Usa, il Broadband Plan per Internet della FCC è pronto

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Usa, la Federal Communications Commission vuole più accessi a Internet per gli Americani ed è al lavoro per assicurare maggiore velocità di accesso

Il prossimo 17 marzo , la Federal Communications Commission (FCC) presenterà al Congresso degli Stati Uniti il suo Broadband Plan e proporrà il suo punto di vista sul cosiddetto digital divide che sta diventando un problema da risolvere anche negli Usa .

I solution provider americani sono consapevoli del digitai divide di casa loro, che anche negli Usa tende a colpire le zone rurali dove i carrier non hanno ritenuto di estendere la loro rete di connettività per i costi richiesti e la difficoltà di ottenere un ritorno dagli investimenti. Ma a questo punto sono i carrier minori e gli ISP a vedere nelle aree colpite dal digital divide un’opportunità di mercato per nuovi servizi.

A consolazione di quanti guardano al panorama italiano  anche negli stati Uniti la penetrazione nazionale della banda larga cresce lentamente. Da giugno 2008 a giugno 2009 si è registrata una crescita del 2,2 % ogni 10 residenti. Ma la FCC ha un altro piano aggiuntivo: dare una spinta alle attuali velocità di internet.
Su questo Julius Genachowski, presidente della FCC, è stato piuttosto esplicito: i provider dovranno offrire una velocità minima di collegamento di 100 Mbps entro il 2020. Nel frattempo Google sta creando e testando una rete a banda larga in diverse parti degli Stati Uniti con velocità di 1 Gbps. 

Secondo alcuni analisti però il prezzo è il principale ostacolo. L’ultimo esempio è quello del salto di velocità dai modem a 33,6 Kbps alla Dsl da 1 Mbps che ha avuto luogo negli anni Novanta del secolo scorso. I provider minori ritengono che un prezzo adeguato si debba aggirare attorno e non oltre i 40 dollari, dovunque negli Stati Uniti e con tutti i servizi inclusi. Per fare questo stanno puntando a un qualche modello di finanziamento pubblico. Secondo la FCC la tariffa media mensile per l’accesso a banda larga a internet si aggira poco sotto i 41 dollari. Ma i clienti che adottano un bundling tariffario che comprende anche telefono e/o accesso via cavo possono ottenere anche tariffe leggermente inferiori attorno ai 38 dollari.