MobilityTablet

Samsung punta sui 2-in-1 Windows 10 con i Galaxy Book

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Al MWC il lancio dei Galaxy Book, convertibili “premium” con tastiera e penna “smart”

Il Galaxy TabPro S è stato un buon allenamento e ora Samsung accelera sulla strada dei 2-in-1 basati su Windows 10 e dotati di caratteristiche premium. Al MWC 2017 di Barcellona ha lanciato il Galaxy Book, un concorrente diretto di altri convertibili Windows come in primo luogo Microsoft Surface. Si tratta di una linea di prodotti che al momento comprende due versioni: una con display da 10,6 pollici e una più performante da 12. Prezzi e date di disponibilità non sono stati indicati.

Il modello Galaxy Book di punta è ovviamente quello con display da 12 pollici. Dispone di un processore Intel Core i5 dual-core di settima generazione Kaby Lake da 3,1 GHz, affiancato da 4/8 GB di memoria RAM e di 128/256 GB di memoria flash per lo storage, a seconda della versione. C’è comunque uno slot per schedine MicroSD per espandere la capacità di memorizzazione. Il display integrato è un modello Amoled con risoluzione di 2.160 x 1.440 pixel che Samsung dichiara supportare i contenuti video HDR a 10 bit (ma non è citato lo standard HDR10).

Samsung-galaxy-bookIn confronto il Galaxy Book da 10 pollici è decisamente più conservativo. La CPU adottata è sempre di settima generazione ma è una Intel Core m3 dual-core da 2,6 GHz, accompagnata da 4GB di RAM e 64/128 GB di storage. Il display integrato è un modello TFT con risoluzione Full HD da 1.920 x 1.080 pixel.

Entrambi i modelli puntano su alcune caratteristiche di taglio professionale. In primis la tastiera, che si collega al corpo del tablet con un connettore fisico, ma in evidenza va messa anche la nuova S Pen, che ha una punta da 0,7 millimetri e la possibilità di rilevare sino a 4.096 livelli di pressione e anche l’inclinazione dello stilo.

Il nuovo Galaxy Book, senza tastiera collegata
Il nuovo Galaxy Book, senza tastiera collegata

I due 2-in-1 supportano anche Samsung Flow, funzione che permette di usare l’autenticazione biometrica per il login e il collegamento wireless dei dispositivi compatibili, per attivare il trasferimento di documenti e delle notifiche da un dispositivo mobile a un tablet. Per entrambi i modelli l’autonomia massima dichiarata è intorno alle dieci ore.