MobilityTablet

IDC: tablet in flessione nel 2016, ma dal 2018 c’è una nuova crescita

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Calano le vendite dei tablet anche nel 2016, ma tra due anni il successo dei modelli con tastiera staccabile riporterà il segno più nel mercato

IDC ha pubblicato le sue previsioni sull’andamento del mercato tablet da qui al 2020, secondo le quali il 2016 si chiuderà in negativo come già lasciavano prevedere i dati consolidati sinora. IDC stima un declino del 11,5 percento per un volume complessivo di 183,4 milioni di tablet venduti nel mondo. Per vedere una crescita dovremo aspettare il 2018: da allora in poi il fenomeno della sostituzione dei PC tradizionali con tablet di dimensioni adeguate darà impulso al mercato. Per questo IDC stima che il 2020 si chiuderà con 194,2 milioni di tablet commercializzati.

Il passaggio dai PC ai tablet con tastiera staccabile sarà legato alla capacità che i nuovi modelli avranno di conquistare il pubblico business. Secondo IDC, in campo Windows e iOS sono già state portate sul mercato offerte convincenti, mentre in campo Android è con la nuova versione Nougat che Google ha finalmente sviluppato una piattaforma con le adeguate funzioni di sicurezza e gestione del multitasking.

Va comunque notato che da qui al 2020 IDC vede crescere il market share solo di Windows, che passa dal 8,6 percento del 2015 al 11,3 del 2016 e poi al 19,3 del 2020. Praticamente stabile iOS, che passa dal 23,9 percento al 22,4 e poi al 22,9. La crescita di Windows penalizza Android, che passa dal 67,4 percento al 66,2 e poi al 57,8.

idc-tabletLa crescita dei tablet con tastiera staccabile porterà a uno spostamento negli equilibri tra tablet con piccolo e grande schermo. Attualmente la maggioranza (55 percento) dei tablet ha un display con 9 pollici o meno, nel 2020 questa quota è prevista in calo sino al 40 percento. I classici slate di dimensioni contenute verranno venduti a prezzi sempre più aggressivi che lasciano poco spazio ai margini, saranno quindi prodotti commercializzati per fare volume o come supporto per una piattaforma specifica, come il marketplace di Amazon.

Questo non vuol dire che gli slate senza tastiera – di qualsiasi dimensione di schermo – diventeranno in generale la minoranza dei tablet commercializzati. Oggi sono la grande maggioranza (85 percento) del mercato e nel 2020 scenderanno ma solo fino al 68 percento. La gran parte dei tablet senza tastiera sarà commercializzata nei mercati emergenti, dove il costo è un fattore prevalente nella scelta dei prodotti.