MobilitySmartphone

Un’estate in attesa di Galaxy Note 8 e iPhone 8

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Nel cuore di agosto arriva Galaxy Note 8, in autunno sarà annunciato iPhone 8. Tutte le anticipazioni sugli smartphone “giganti” di Samsung e Apple

iPhone 8 e Samsung Galaxy Note 8 sono rispettivamente lo smartphone e il phablet di punta di Apple e Samsung. La distinzione del fattore di forma importa sempre meno. Basta guardarli e immediatamente si comprendono alcune differenze fondamentali. Per noi la più importante tra i due form factor è una sola: sta o no in una tasca? Almeno in quella della giacca?

Per iPhone aspetteremo probabilmente ottobre, per Galaxy Note 8 il cuore di agosto. Di sicuro l’attesa è tantissima per entrambi i modelli, perché i vendor devono smuovere un mercato plafonato e maturo in cui oramai anche gli addetti ai lavori continuano ad avere una sensazione di déjà vu per ogni modello che debutta, e forse è proprio la fascia più alta a concedere qualche sorpresa.

Samsung Galaxy Note 8

Per Samsung l’appuntamento già fissato è il 23 di agosto con il Galaxy Note 8 la cui prima missione sarà davvero quella di spazzare per sempre via la pessima avventura commerciale di Galaxy Note 7, il phablet con la batteria più esplosiva di sempre, proibito su tutti i voli del mondo. Galaxy Note 8 dovrebbe montare un display da 6,3 pollici (sono 5,5 quelli di iPhone 7 Plus in commercio, per farsi una rapida idea), display AMOLED, con risoluzione 2960×1440 pixel, in un rapporto quasi 18:9.

Meno certe le informazioni per quanto riguarda le cpu. In Italia e nella maggior parte dei Paesi molto probabilmente Galaxy Note 8 arriverà con un Exynos 8895, con Snapdragon 835 invece per il mercato statunitense, la Cpu sfrutterà 6 Gbyte di Ram e potrebbero essere disponibili diversi modelli con fino a 256 Gbyte di Rom.

Galaxy Note 8 - Immagine trapelata su Twitter
Galaxy Note 8 – Immagine trapelata su Twitter

Da vero top di gamma il comparto delle comunicazioni: WiFi anche ac MIMO, Bluetooth 4.2, l’oramai obbligata interfaccia USB Type-C in questa fascia, supporto per NFC. L’autonomia dipenderà da una batteria da 3300 mAh e il comparto multimediale sfrutterà una doppia fotocamera con due sensori da 13 e 12 Megapixel, ma soprattutto c’è attesa per il supporto HDR con Netflix.

Anche Galaxy Note 8, chiamato a sorprendere, potrebbe comunque non riuscire a farlo. Non si può rischiare un altro fiasco ed è quindi molto probabile che verranno riprese tante delle soluzioni già viste su S8. Di Bixby “come dovrebbe essere” si resta in attesa, quasi certo per lungo tempo il sensore di impronte digitali sul dorso, a fianco fotocamera, mentre fonti aggiornate rivelano che Galaxy Note 8 anticiperà iPhone 8 e posizionerà il fingerprint con integrato il tasto Home sotto il display.

Ovviamente anche con Galaxy Note 8 si potrà utilizzare con lo stilo S Pen che contraddistingue proprio la proposta Note. Prezzo? Inevitabilmente intorno ai mille euro, la versione base. Sì, è come comprare un pc, tantopiù che viene confermata anche Samsung DeX, la dock per trasformare Note proprio in un pc. Non abbiamo dubbi al riguardo, secondo noi non vale la pena proprio di pensare di utilizzare phablet + Dex rinunciando a un sistema di computing. Lo abbiamo già ripetuto anche per le proposte in questo ambito di Microsoft. Chiaro che poi ognuno sceglie come crede.

iPhone 8

Effettivamente il muro granitico e impenetrabile di Apple sulle anticipazioni dei nuovi modelli non è più proprio tale, ma di sicuro resta ancora decisamente più solido rispetto a quello di altri vendor. E così di iPhone 8 non si sa così tanto, ma intanto emergono sempre più dettagli.

Per esempio mentre in un primo momento si pensava che la diagonale per iPhone 8 Plus passasse da 5.5 pollici di iPhone 7 Plus a 5.8, ora sembra che addirittura il display di iPhone potrebbe essere addirittura da 6.5, quasi sicuro che il display abbraccerà tutta la sperficie frontale visibile, per un effetto immersivo ancora migliore. Il display supererebbe in questo caso addirittura quello di Galaxy Note 8 e quindi anche iPhone 8 Plus diventerebbe un phablet a tutti gli effetti.

iPhone 8 "leaked". Fonte - Ubergizmo
iPhone 8 “leaked”. Fonte – Ubergizmo

Se pensiamo di mantenere su una diagonale di questo tipo la risoluzione “Retina” dovremmo poter contare una densità di 442 per una risoluzione 2436×1125.

Fonti attendibili rivelano che il sensore di impronte digitali sarebbe collocato nella medesima posizione attuale, ma innestato sotto lo schermo OLED, quindi dove ora si vede il policarbonato con il sensore dovremmo vedere in futuro le immagini del display ma la posizione in cui premere sarebbe la medesima.

Altri dettagli sono emersi in relazione allo sviluppo del firmware HomePod. iPhone 8 dovrebbe permettere il riconoscimento del viso anche al buio, per un immediato login di notte per esempio, potrebbe essere finalmente disponibile la carica senza fili. Il resto lo vedremo, così come il prezzo che siamo certi supererà sensibilmente i mille euro per la versione Plus.