EnterpriseMobility

Smartphone / Canalys dice: Apple, Nokia e RIM

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Apple guadagna market share nel mercato smartphone mondiale , ma anche Nokia e RIM (Blackberry) continuano a crescere

Secondo un rapporto della società di ricerche Canalys , continua la crescita a volume degli smartphone che nel primo trimestre di quest’anno appena concluso sono stati venduti per oltre 55 milioni di pezzi. In testa ancora una volta sta saldamente Nokia con 21,4 milioni di unità , il doppio del suo concorrente più prossimo: RIM (Blackberry) . Il settore sembra , secondo Canalys , un’isola felice con tassi di crescita del 67% anno su anno.

A quanto denunciano i dati forniti da Canalys, Nokia ha trovata in Asia e in Cina mercati ad alto tasso di crescita, dove ha venduto quasi 6 milioni di pezzi con un tasso di crescita del 90%. Evidentemente il rilascio dei primi cellulari touch screen ha fatto bene al rilancio di Nokia. Per la prima volta le consegne di cellulari touch screen hanno superato per Nokia la quota storica del 50% in un trimestre.
Per RIM si segnalano invece le prestazioni di vendita in America Latina , ancora migliori di quelle dell’area Asia Pacifico (+ 215 %). Le ragioni sono , sempre secondo Canalys, il crescente successo dei Blackberry presso i consumatori e le partnership di ferro con gli operatori di Tlc.
Ma il mercato continua a sentire la pressione di Apple che ha guadagnato quote di mercato raggiungendo il 16% nel primo trimestre di quest’anno. In questo caso – all’opposto – la ragione è la fine di alcuni accordi di esclusa con gli operatori.