EnterpriseMobility

Skype : la neutralità della rete mobile è sotto minaccia

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Skype alza la voce contro la possibilità che gli operatori di Tlc chiedano denaro per il traffico mobile voce su Ip

Skype comincia ai risentirsi dei paletti che i carrier in diverse nazioni europee pensano di mettere all’espansione della voce su Ip. Jean-Jacques Sahel, director of Government & Regulatory Affairs di Skype in Europa, punta i piedi contro le proposte di alcuni operatori europei per fa pagare l’uso della loro rete per le telefonate via Internet. Per i principali operatori la minaccia viene dall’accesso a Internet e in mobilità attraverso gli smartphone e cominciano a sondare il terreno sulla possibilità di far pagare gli operatori di telefonia via Ip che fanno passare il traffico voce sulla loro rete.

In questo momento gli enti regolatori europei, il commissario Neelie Kroes in prima linea , si battono contro questa eventualità , ma in Francia (Orange) e Olanda gli operatori si stanno muovendo contro la attuale neutralità della rete rispetto ai contenuti che vi transitano. Gli operatori si stanno muovendo verso un diversificazione delle tariffe dando via libera alle chiamate voce via Ip per gli utenti con piani tariffari costosi e chiedendo un pagamento supplementare rispetto alla tariffa base per gli altri.

Certamente Kroes ha difeso la totale neutralità della rete, ma ha manifestato anche il desiderio della Commissione Europea di venire incontro alale richieste di tutte le parti in gioco nell’area delle telecomunicazioni: sì alla libertà degli utenti ,ma anche considerazione per opportunità e incentivi da offrire ai content provider e ai carrier che devono investire nella rete.