Mobility

Qualcomm si muove nella VR su Snapdragon 835 e con LeapMotion

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

MWC 2017 – Qualcomm porta il mondo della realtà virtuale più vicino agli sviluppatori con il SDK per la piattaforma Snapdragon 835 e intanto con Leap Motion sperimenta anche il tracking dei movimenti manuali

Un programma per gli OEM dedicato all’implementazione di hardware Head Mounted Display al servizio delle applicazioni di realtà virtuale, e poi ancora il kit di sviluppo per la piattaforma mobile Snapdragon 835 VR, la collaborazione con Leap Motion in fase sperimentale per il tentativo di unire l’interfaccia di VR sulla piattaforma Qualcomm Snapdragon 835, da un lato per offrire la possibilità immersiva nella VR e la trasformazione dell’ambiente virtualizzato con il semplice utilizzo delle mani, dall’altro nell’ambito del più ampio ecosistema VR per avviare le possibilità di interazione naturale tra uomo e computer per HDM mobile, con un nuovo standard per lo sviluppo di contenuti mobile di realtà virtuale
Ecco, sono questi gli ambiti degli annunci in anteprima sulla VR rispetto all’apertura di MWC 2017.

Nello specifico il kit di sviluppo per la realtà virtuale sulla piattaforma mobile Snapdragon 835 offre agli sviluppatori accesso immediato agli HDM (Head Mounted Display) costruiti per  la medesima piattaforma che è supportata da un upgrade VRDK specifico per HDM.

Snapdragon 835 supporta Foveat Rendering
Qualcomm Snapdragon 835 supporta Foveat Rendering

Ecco pertanto cosa prevede l’HDM che è incluso in Snapdragon 835 Virtual Reality Development Kit: display da 4MP WQHD Amoled  (due MP per ogni occhio), video camera 6DoF Motion Tracking, sensore IMU (con giroscopio, accelerometro, bussola magnetica), con interfaccia veloce alla piattaforma Snapdragon 835 mobile; eye tracking (doppio e monocromatico con sensore di profondità attivo), 4 Gbyte di Ram e 64 Gbyte di memoria flash UFS, connettività WiFi, Bluetooth e USB 3.1 Type C, codec audio Qualcomm. 

Passi avanti. Anche per quanto riguarda la possibilità di creare un’esperienza più coinvolgente, su sei livelli (6DoF), capacità predittive sui movimenti del capo,rendering in grado di rileviare la direzione dello sguardo dell’utente, capacità elaborativa migliorata per una trasformazione delle immagini renderizzate nello spazio 3D molto più veloce e a bassa latenza. 

Partecipate alla nostra inchiesta: Sicurezza IT, come difendersi?


… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…